Archivi categoria: ritorno al passato

SPRINGFIELD STORY: Le gemelle Sonni e Solita Carrera (1987-1989).

SonmniJoshSonni Carrera, la prima moglie di Josh Lewis, era una brillante psichiatra in Venezuela. Purtroppo, durante la luna di miele, Sonni morì cadendo da una scogliera. In realtà si salvò, l’anno successivo raggiunse Josh a Springfield e i due poi si risposarono. Poco dopo il matrimonio Sonni intraprese una relazione con il migliore amico di Josh, Will Jeffries. Si scoprì così che la donna era in realtà Solita, la gemella di Sonni, e che i due erano stati amanti in Venezuela. Il loro diabolico piano era quello di uccidere Josh per impossessarsi del suo patrimonio (in que periodo si prospettava pure una fusione tra la Lewis e la Spaulding). Tuttavia Reva scoprì la relazione tra Solita e Will e scattò anche delle foto dei due insieme, ma senza mostrarle a Josh. Continua a leggere SPRINGFIELD STORY: Le gemelle Sonni e Solita Carrera (1987-1989).

SPRINGFIELD STORY: La culla vuota (1983)

kathy
Kathy De Maio

La signora Angie Lewis sedeva accanto ad una culla vuota. Esitò prima di rispondere al telefono. Dall’altra parte c’era il suo dottore, Edgar Highley, che le chiese di venire a trovarlo dopo le 18. All’inizio Angie si rifiutò, ma poi cedette per lasciarsi aiutare. Highley assicurò ad Angie che la sua condizione di salute sarebbe migliorata e le diede una pillola per calmarsi, ma aggiunse di nascosto della droga nell’acqua. Nel frattempo l’assistente procuratore distrettuale Kathy De Maio fece la sua arringa in tribunale. Dopo la conclusione del caso, Kathy ebbe la vista un po’ annebbiata. Tuttavia ignorò i sintomi e cenò con il suo fidanzato, il dottor Richard Carroll. Dopo una notte d’amore, Kathy disse a Richard che doveva andare a casa sua per prendere dei vestiti. Mentre tornava a casa, la vista di Kathy divenne di nuovo sfocata e si schiantò con la sua auto. Continua a leggere SPRINGFIELD STORY: La culla vuota (1983)

SPRINGFIELD STORY: La vera storia di Annabelle Sims (1983-1985)

tonyannabelle_SS

In un giorno di maggio del 1983, Tony incontrò al Company una bella ragazza di nome Annabelle Sims. Infastidita perché lui la fissava insistentemente, Annabelle usò le arti marziali per metterlo al tappeto. Dopo questo bizzarro episodio i due diventarono amici e iniziarono a frequentarsi. In seguito Tony trovò una pellicola dentro ad una vecchia macchina fotografica appartenuta a suo padre, Tom Reardon, che aveva abbandonato la sua famiglia diversi anni prima.

Tony era molto incuriosito dalla foto che mostrava Tom in una battuta di pesca insieme ad altri quattro uomini e una bellissima donna che sembrava Annabelle. Uno degli altri quattro uomini era Bill Bauer, ma Bert si rifiutò di parlare di suo marito con Tony. Per quanto riguarda la donna, Annabelle trovò che assomigliava a sua madre misteriosamente annegata quando lei era molto piccola.

Continua a leggere SPRINGFIELD STORY: La vera storia di Annabelle Sims (1983-1985)

SPRINGFIELD STORY: Le due madri di Amanda Spaulding (1978-1980)

lucilleAmanda Wexler arrivò a Springfield nel 1978 con sua madre Lucille. Era una giovane pianista che veniva ancora trattata come fosse una bambina. Amanda era sposata con l’architetto Gordon Middleton, ma già dalla prima notte di nozze i due avevano avuto dei problemi in quanto non riuscivano a consumare il matrimonio poiché Lucille aveva insinuato che Gordon fosse uno stupratore. In seguito Amanda si innamorò dell’artista Ben McFarren. Ben dipinse un ritratto di Amanda che suscitò in lei delle reazioni così strane tanto da ridurlo in brandelli durante una notte con un temporale. Quando Ben assistì a questa scena, Amanda gli confessò il trauma di quando, dodicenne, aveva sentito un uomo che picchiava sua madre in camera da letto.

Quell’orribile episodio si concluse con Lucille che ripeteva ad Amanda che non poteva fidarsi mai degli uomini. Lucille continuò a seminare queste paure nella vita di sua figlia facendola ridurre come una bambina che parlava ancora con le bambole e che evitava il contatto intimo con gli uomini. Grazie a Ben, Amanda gettò via le sue bambole e divenne pian piano una persona adulta. Così divorziò da Gordon mentre il matrimonio di Ben con Eve Stapleton iniziava a vacillare. Poco dopo Ben trovò una lettera che rivelava che Brandon Spaulding e Lucille erano stati amanti. Ciò che nessuno sapeva era che Amanda non era la figlia biologica di Lucille. Brandon aveva dato la bambina a Lucille, che all’epoca era la sua segretaria, e lei l’aveva adottata nella speranza di avvicinarsi a Brandon, ma senza successo.

Quando Brandon si ammalò ed era in punto di morte, Lucille andò a trovarlo nella sua casa di cura. Brandon ammise a Lucille che Amanda era la figlia di Alan e di una donna il cui nome era Jane Marie Stafford. Brandon voleva che Lucille dicesse ad Amanda la verità, ma lei si rifiutò sempre categoricamente. Durante l’intenso scontro nella sua stanza nella casa di cura, Lucille manomise la flebo di Brandon. Quando lui smise di respirare, Lucille lasciò bruscamente la stanza senza avvertire nessuno. Successivamente sentì alla radio che il milionario Brandon Spaulding era morto. La lettura del testamento lasciò tutti di stucco: anziché lasciare tutto a suo figlio Alan, Brandon intestò la maggior parte delle sue proprietà ad Amanda. Sapendo che un tempo Brandon e Lucille avevano avuto una relazione, Alan sospettava che Amanda fosse la figlia illegittima di Brandon.

Nel frattempo Amanda era diventata una donna forte e sicura di sé grazie a Ben. Non era più la ragazza indifesa che si ritirava nel suo mondo fatto di bambole. Quando Eve andò a trovare Ben nel cottage dei Wexler per provare a riconciliarsi era troppo tardi: Ben e Amanda si erano già sposati. Intanto Lucille e Ross Marler cospiravano per separare la coppia provando a far riunire Ben ed Eve. Ross era troppo accecato dalla sua ambizione per sospettare che Lucille stesse pianificando di uccidere Ben. Lucille indagò sul passato di Jane Marie Stafford e rintracciò suo padre, Logan, a Toronto. Lui le disse che Jane Marie era morta. Nel frattempo arrivò a Springfield Jennifer Richards, il nuovo manager della tenuta Wexler. Col dissapunto di Lucille, Jennifer instaurò un bel rapporto con Amanda che la vedeva come un modello da seguire. Nessuno sapeva che Jennifer era in realtà Jane Marie Stafford.

Ross disse a Lucille che voleva usare Vanessa, sua ex fiamma, per separare Amanda e Ben. Una mossa che piacque a Lucille. Così Amanda venne lasciata da Ben e si ritrovò incinta di suo figlio. Nel frattempo Ross trovò Logan Stafford e suo figlio Chet, che ammisero che Jane Marie era ancora viva, ma scomparsa. Inoltre aggiunsero che Jane Marie aveva un segno distintivo sul braccio. Ormai Jane Marie aveva creato un legame così stretto con Amanda che Lucille, rosa dalla gelosia, iniziò a terrorizzare la figlia con telefonate anonime e facendo sparire oggetti dalla sua villa per poter incastrare Jennifer dei furti. Lucille vide una foto nella camera d’albergo di Chet, che era venuto a Springfield per cercare la sorella scomparsa, e riconobbe in lei Jennifer.

Fuori di sè si precipitò a casa e affrontò Jennifer mentre stava suonando il piano. Lucille, gridando “Jane Marie Stafford!”si lanciò contro Jennifer con un tagliacarte placcato in oro. Mentre le due donne lottavano Lucille cadde accidentalmente sullo strumento affilato. Quando Amanda arrivò Lucille le mormorò che Jennifer aveva cercato di ucciderla. Poco dopo morì in sala operatoria e Jennifer venne accusata di omicidio. Nel frattempo, Ben sapendo del bambino, si riconciliò con Amanda, che ormai odiava Jennifer per aver ucciso Lucille. Durante il processo Jennifer fu costretta a confessare che da giovane era stata l’amante di Alan e che Amanda era il frutto di quella relazione. La ragazza, sconvolta dalla notizia, svenne in tribunale.

Continua a leggere SPRINGFIELD STORY: Le due madri di Amanda Spaulding (1978-1980)

Morgan Englund in “You Can Close Your Eyes”

dylansam
Morgan Englund e Suzy Coté

Il cast di Sentieri è sempre stato ricco di artisti a 360° e oltre a sapere recitare, molti erano anche in grado di ballare, suonare e cantare.

La produzione di Sentieri ha sempre approfittato di questi talenti trovando in diverse occasioni il modo di farli esibire.

Morgan Englund, che ha prestato il volto a Dylan (figlio di Reva e Billy) è uno di loro e più di una volta ha avuto modo di cantare e suonare la chitarra.

Quello che vi mostriamo oggi è uno spezzone trasmesso tra la fine degli anni ’80 e l’inizio dei ’90 in cui Morgan Englund canta la canzone di James TaylorYou Can Close Your Eyes” alla sua amata Samantha (sorella di Phillip Spaulding, interpretata da Suzy Coté)) in preda ad un attacco d’asma, cercando di farla stare più tranquilla. Continua a leggere Morgan Englund in “You Can Close Your Eyes”

#GL80Years – La fine di Sentieri

lowress00011E dopo tanti anni, Sentieri, Guiding Light, racconta le sue ultime storie, che purtroppo non abbiamo potuto vedere in Italia. L’ultimo periodo è stato molto criticato a causa delle nuove tecniche di produzione che sono servite a prolungare di alcuni mesi la realizzazione delle puntate.

Sentieri era infatti a rischio chiusura, e l’unico modo per restare in onda era quello di limitare i costi. Le nuove tecniche hanno dato da un lato maggiore realismo e un intensivo uso di esterni, ma anche alcuni problemi di natura tecnica, che però la produzione era riuscita poco per volta a migliorare trovando un giusto equilibrio. Continua a leggere #GL80Years – La fine di Sentieri

#GL80Years – Andando verso la fine

lowress00010Dal 2001 al 2007 assistiamo ad una serie di storie inverosimili, a continui scambi di coppie, omicidi, stalker e pazzie. Temi da un lato classici delle soap opera, ma in certe occasioni portate all’esasperazione. Ci sono comunque diversi momenti apprezzabili e storie ricche di tensione e colpi di scena. Uno dei periodi sicuramente non migliori di Sentieri ma con i suoi momenti da ricordare. Sarebbe impossibile elencare tutte le storie per cui proveremo a schematizzare le più imporatanti, spesso non rispettando l’ordine cronologico dei fatti.

Reva e il clan dei Lewis: L’azione si sposta continuamente da San Cristobel a Springfield e viceversa. Reva sta con Noah Chase, mentre Josh e Olivia si sono sposati. Per un periodo Reva perde la vista dopo un incidente in auto, e quando la riacquista terrà la notizia per sè, in modo da riuscire a smascherare Olivia e i suoi inganni. Sarà poi il turno dei viaggi nel tempo di Reva, che riuscirà ad attraversare un quadro raffigurante una donna uguale a Olivia. Incontrerà varie versioni dei personaggi di Springfield in ambientazioni temporali diverse.

Per i suoi figli le cose non saranno sicuramente più tranquille. Marah porta avanti la sua storia con Tony Santos ma la perfida Catalina Quesada si intromette tra la coppia e riesce ad incastrare Tony portandolo all’altare. Catalina verrà poi uccisa da Romeo Jones, ma la colpa ricadrà su Tony che sarà costretto a nascondersi. Dopo questa avventura, la coppia non sarà più quella di prima e Marah e Tony finiranno per lasciarsi. Continua a leggere #GL80Years – Andando verso la fine

#GL80Years – Ritorno al passato

lowress00009A partire dal 1995 assistiamo ad una serie di graditi ritorni e a molte sperimentazioni, a volte discutibili.

Reva Shayne non è morta. Si trova in un villaggio Amish ed è in coma. Il suo spirito fa visita a Josh che si è innamorato dell’infermiera Annie Dutton, ex moglie di Rick. Quando però si risveglia, viene trovata casualmente da Alan Spaulding che vorrebbe scappare e rifarsi con lei una vita, ma quando Reva recupera la memoria torna a casa da Josh. Vedendolo felice con Annie, decide di andare via senza dire ai suoi cari di essere viva, ma Alexandra l’ha vista e lo racconta a Josh che ha appena sposato Annie. Continua a leggere #GL80Years – Ritorno al passato

#GL80Years – Gli anni senza Reva

lowress00008Reva è morta, ma le storie di Springfield sono sempre molto movimentate e avvincenti tanto da risultare impossibile raccontarle tutte nei dettagli… Ma ecco i fatti salienti: Josh è disperato per aver perso tragicamente l’amore della sua vita, ma poco dopo si rende conto di stare molto bene accanto a Harley, la babysitter di Marah e Shayne, i suoi figli. I due pensano di sposarsi, ma quando Billy mostra un nastro a suo fratello dove si vede una donna uguale a Reva che passeggia in Italia, Josh decide di andare a cercare la sua Reva.

La delusione di Harley è molto forte e decide di diventare una poliziotta. Durante il corso ha modo di conoscere meglio AC Mallet, l’investigatore che aveva indagato su Phillip Spaulding e sull’omicidio di Neal Everest. Tra i due scocca subito la scintilla ma nessuno dei due si dichiara. Cambierà qualcosa durante le indagini sulla morte di Jean Weatherill, la ex cognata di Daniel St. John, il nuovo marito di Holly. Si scoprirà che proprio Daniel aveva ucciso la donna.

Intanto arrivano nuovi giovani: Bridget Reardon, nipote di Maureen; Kat Speakes, figlia di Hampton; Julie Camaletti, sorella di AC; e infine Hart Jessup, figlio di Roger Thorpe, ma ancora il giovane non è al corrente delle sue vere origini. Hart e Julie si innamorano ma Bridget mette loro i bastoni tra le ruote. Riesce infatti a portarsi a letto Hart e rimane incinta. Quando Julie scopre di essere stata tradita, lascia Hart che va via dalla città. Bridget intanto nasconde la gravidanza e promette di dare il figlio a Nadine Cooper, che inganna Billy (suo marito) facendogli credere di aspettare un figlio da lui, ma Vanessa scopre tutto e lo rivela a Billy. Continua a leggere #GL80Years – Gli anni senza Reva