Archivi tag: sentieri

La Procter & Gamble verso lo streaming

GlIvoryIl termine Soap Opera deriva dalla categoria di prodotti che sponsorizzavano gli sceneggiati radiofonici e in particolare dai saponi della Procter & Gamble. Fino a gran parte degli anni 90, al termine della sigla finale di Guiding Light, compariva ancora il logo PGP (Procter & Gamble Production), la divisione che produceva i programmi televisivi. Successivamente, le ultime stagioni di Sentieri e Così Gira il Mondo sono state prodotte da una costola della PGP, la Telenext. Dopo la chiusura delle sue Soap, la PGP ha continuato a produrre programmi televisivi e nel 2013 ha cambiato nome in Procter & Gamble Entertainment. Continua a leggere La Procter & Gamble verso lo streaming

SPRINGFIELD STORY: La vera storia di Annabelle Sims (1983-1985)

tonyannabelle_SS

In un giorno di maggio del 1983, Tony incontrò al Company una bella ragazza di nome Annabelle Sims. Infastidita perché lui la fissava insistentemente, Annabelle usò le arti marziali per metterlo al tappeto. Dopo questo bizzarro episodio i due diventarono amici e iniziarono a frequentarsi. In seguito Tony trovò una pellicola dentro ad una vecchia macchina fotografica appartenuta a suo padre, Tom Reardon, che aveva abbandonato la sua famiglia diversi anni prima.

Tony era molto incuriosito dalla foto che mostrava Tom in una battuta di pesca insieme ad altri quattro uomini e una bellissima donna che sembrava Annabelle. Uno degli altri quattro uomini era Bill Bauer, ma Bert si rifiutò di parlare di suo marito con Tony. Per quanto riguarda la donna, Annabelle trovò che assomigliava a sua madre misteriosamente annegata quando lei era molto piccola.

Continua a leggere SPRINGFIELD STORY: La vera storia di Annabelle Sims (1983-1985)

Addio Marj Dusay

marjdusayEra il 23 Settembre del 1993 quando nella puntata di Sentieri compare per la prima volta la nuova Alexandra, interpretata da Marj Dusay. Il personaggio originato da Beverly McKinsey aveva un nuovo volto, e la Dusay aveva l’arduo compito di farsi accettare nel ruolo della sorella di Alan Spaulding.
Per un personaggio così carismatico interpretato da un’iconica attrice come la McKinsey, c’era bisogno di un’altra diva, e Marj Dusay era la persona giusta. Vantava apparizioni in serie Tv come Star Trek, Bonanza, Gli eroi di Hogan, La strana coppia, Mannix, La donna bionica, Dallas, L’albero delle mele, La signora in giallo. Era anche una star delle Soap Capitol, Santa Barbara, Il tempo della nostra vita.
La Dusay rimane nel cast quasi ininterrottamente, sia come Contract Player che come personaggio ricorrente, ed è presente anche nell’ultimo episodio del 18 Settembre del 2009.
È la sua figliastra Elizabeth Perine a comunicare che, all’età di 83 anni, il 28 Gennaio del 2020 la madre è morta serenamente mentre dormiva.
Molto presto i colleghi e amici con cui ha condiviso tante storie a Springfield e non solo, hanno espresso attraverso i social il loro dolore per la perdita di una persona straordinaria.
Sentieri OnLine porge le sue più sentite condoglianze alla famiglia, parenti, amici e colleghi. R.I.P.

SPRINGFIELD STORY: Le due madri di Amanda Spaulding (1978-1980)

lucilleAmanda Wexler arrivò a Springfield nel 1978 con sua madre Lucille. Era una giovane pianista che veniva ancora trattata come fosse una bambina. Amanda era sposata con l’architetto Gordon Middleton, ma già dalla prima notte di nozze i due avevano avuto dei problemi in quanto non riuscivano a consumare il matrimonio poiché Lucille aveva insinuato che Gordon fosse uno stupratore. In seguito Amanda si innamorò dell’artista Ben McFarren. Ben dipinse un ritratto di Amanda che suscitò in lei delle reazioni così strane tanto da ridurlo in brandelli durante una notte con un temporale. Quando Ben assistì a questa scena, Amanda gli confessò il trauma di quando, dodicenne, aveva sentito un uomo che picchiava sua madre in camera da letto.

Quell’orribile episodio si concluse con Lucille che ripeteva ad Amanda che non poteva fidarsi mai degli uomini. Lucille continuò a seminare queste paure nella vita di sua figlia facendola ridurre come una bambina che parlava ancora con le bambole e che evitava il contatto intimo con gli uomini. Grazie a Ben, Amanda gettò via le sue bambole e divenne pian piano una persona adulta. Così divorziò da Gordon mentre il matrimonio di Ben con Eve Stapleton iniziava a vacillare. Poco dopo Ben trovò una lettera che rivelava che Brandon Spaulding e Lucille erano stati amanti. Ciò che nessuno sapeva era che Amanda non era la figlia biologica di Lucille. Brandon aveva dato la bambina a Lucille, che all’epoca era la sua segretaria, e lei l’aveva adottata nella speranza di avvicinarsi a Brandon, ma senza successo.

Quando Brandon si ammalò ed era in punto di morte, Lucille andò a trovarlo nella sua casa di cura. Brandon ammise a Lucille che Amanda era la figlia di Alan e di una donna il cui nome era Jane Marie Stafford. Brandon voleva che Lucille dicesse ad Amanda la verità, ma lei si rifiutò sempre categoricamente. Durante l’intenso scontro nella sua stanza nella casa di cura, Lucille manomise la flebo di Brandon. Quando lui smise di respirare, Lucille lasciò bruscamente la stanza senza avvertire nessuno. Successivamente sentì alla radio che il milionario Brandon Spaulding era morto. La lettura del testamento lasciò tutti di stucco: anziché lasciare tutto a suo figlio Alan, Brandon intestò la maggior parte delle sue proprietà ad Amanda. Sapendo che un tempo Brandon e Lucille avevano avuto una relazione, Alan sospettava che Amanda fosse la figlia illegittima di Brandon.

Nel frattempo Amanda era diventata una donna forte e sicura di sé grazie a Ben. Non era più la ragazza indifesa che si ritirava nel suo mondo fatto di bambole. Quando Eve andò a trovare Ben nel cottage dei Wexler per provare a riconciliarsi era troppo tardi: Ben e Amanda si erano già sposati. Intanto Lucille e Ross Marler cospiravano per separare la coppia provando a far riunire Ben ed Eve. Ross era troppo accecato dalla sua ambizione per sospettare che Lucille stesse pianificando di uccidere Ben. Lucille indagò sul passato di Jane Marie Stafford e rintracciò suo padre, Logan, a Toronto. Lui le disse che Jane Marie era morta. Nel frattempo arrivò a Springfield Jennifer Richards, il nuovo manager della tenuta Wexler. Col dissapunto di Lucille, Jennifer instaurò un bel rapporto con Amanda che la vedeva come un modello da seguire. Nessuno sapeva che Jennifer era in realtà Jane Marie Stafford.

Ross disse a Lucille che voleva usare Vanessa, sua ex fiamma, per separare Amanda e Ben. Una mossa che piacque a Lucille. Così Amanda venne lasciata da Ben e si ritrovò incinta di suo figlio. Nel frattempo Ross trovò Logan Stafford e suo figlio Chet, che ammisero che Jane Marie era ancora viva, ma scomparsa. Inoltre aggiunsero che Jane Marie aveva un segno distintivo sul braccio. Ormai Jane Marie aveva creato un legame così stretto con Amanda che Lucille, rosa dalla gelosia, iniziò a terrorizzare la figlia con telefonate anonime e facendo sparire oggetti dalla sua villa per poter incastrare Jennifer dei furti. Lucille vide una foto nella camera d’albergo di Chet, che era venuto a Springfield per cercare la sorella scomparsa, e riconobbe in lei Jennifer.

Fuori di sè si precipitò a casa e affrontò Jennifer mentre stava suonando il piano. Lucille, gridando “Jane Marie Stafford!”si lanciò contro Jennifer con un tagliacarte placcato in oro. Mentre le due donne lottavano Lucille cadde accidentalmente sullo strumento affilato. Quando Amanda arrivò Lucille le mormorò che Jennifer aveva cercato di ucciderla. Poco dopo morì in sala operatoria e Jennifer venne accusata di omicidio. Nel frattempo, Ben sapendo del bambino, si riconciliò con Amanda, che ormai odiava Jennifer per aver ucciso Lucille. Durante il processo Jennifer fu costretta a confessare che da giovane era stata l’amante di Alan e che Amanda era il frutto di quella relazione. La ragazza, sconvolta dalla notizia, svenne in tribunale.

Continua a leggere SPRINGFIELD STORY: Le due madri di Amanda Spaulding (1978-1980)

#GL80Years – I quattro moschettieri

lowress00005Se le storie del processo di Jennifer, il rapimento di Holly, la morte di Roger e le manipolazioni di Nola erano servite per scaldare l’atmosfera, le storie successive saranno letteralmente esplosive.

Iniziamo dai quattro moschettieri: i giovani Phillip Spaulding e Rick Bauer sono cresciuti e sono amici per la pelle. In città arriva Mindy Lewis (insieme al padre Billy che si unisce al fratello Josh e alla sorella Trish presenti da più tempo) e facciamo conoscenza della dolce Beth (Judy Evans), ricoverata ai Cedri dove lavora sua madre Lillian (Tina Sloan, che rimarrà ininterrottamente fino all’ultimo episodio del 2009). Continua a leggere #GL80Years – I quattro moschettieri

@GL80Years – Sentieri in Italia

lowress00004È il 1982 e Sentieri fa il suo esordio in Italia su Canale 5. Le Soap Opera sono un prodotto praticamente sconosciuto nel nostro paese e riescono subito a catturare la curiosità del pubblico con i suoi appuntamenti quotidiani ricchi di mistero, dramma, sentimento, umorismo…

Un programma che conquista pubblico di tutte le età grazie a un cast variegato. Proprio nel cast dei ragazzi, troviamo un giovanissimo Kevin Bacon che interpreta il ruolo di Tim Werner, innamorato di Morgan Richards. Ben presto però Morgan si rende conto di amare Kelly Nelson, John Wesley Shipp (Il papà di Dawson in Dawson’s creek e papà di Flash nella recentissima serie The Flash, ma anche Flash nella versione anni 90 della serie). Continua a leggere @GL80Years – Sentieri in Italia

#GL80Years – Sentieri a colori

lowress00003Nonostante le perplessità di Irna Phillips, dopo il passaggio alla TV arriva anche il momento in cui Sentieri viene trasmesso a colori.

A partire dal 1966 le vicende sono ambientate a Springfield (a differenza dei primi anni in cui è ambientato a Five Points prima e a Selby Flats dopo) e viene introdotto il celebre ospedale dei Cedri.

Il cast di popola di numerosi attori che abbiamo conosciuto anche in Italia, alcuni per poco tempo, ma altri fino alla fine della storia. Continua a leggere #GL80Years – Sentieri a colori

#GL80years – Arrivano i Bauer

Nel 1947 Sentieri passa dalla NBC alla CBSlowress00002, sempre come programma radiofonico, ma The Guiding Light non ha rivali, tanto da essere promosso in televisione nel 1952. E finalmente il pubblico americano può vedere in azione dal vivo i suoi beniamini, tra cui la famiglia portante che ha preso già da un po’ il posto del Reverendo Ruthledge e di sua figlia Mary. Stiamo parlando dei Bauer, colonna portante della Soap che rimarrà fino all’ultimo episodio nel 2009.

Alcuni dei personaggi di quelle storiche puntate sono arrivati anche in Italia. Non ci dimenticheremo mai della dolce Bert Bauer (Charita Bauer) e dei suoi figli Ed e Mike. Abbiamo visto in Italia per pochissimi episodi anche Bill Bauer, e alla fine degli anni ’90 ha fatto ritorno la zia Meta (intepretata da Mary Stuart). Continua a leggere #GL80years – Arrivano i Bauer

#GL80Years – Tutto cominciò alla radio

lowress00001Tutto ebbe inizio nel 1937, quando la rete radiofonica NBC cominciò a trasmettere la soap opera The Guiding Light, creata da Irna Phillips, la mamma di Sentieri.

Ogni puntata consisteva nei sermoni del Reverendo John Ruthledge, “luce guida” dei cittadini di Five Points, ma ben presto la Phillips introdusse anche altri personaggi, come Mary, la figlia del reverendo, Ned Holden, Jacob e Rose Kransky movimentando le storie con tragedie, misteri e romanticismo. La Phillips ne fa anche una sorta di autobriografia, inserendo fatti e vicende vissute in prima persona. Continua a leggere #GL80Years – Tutto cominciò alla radio