Guiding Light The Series – S01E13 – La festa è finita – The party is over (Finale di Stagione)

NEGLI EPISODI PRECEDENTI (Guarda il video)

Fiocca leggera la neve su Springfield. C’è un silenzio immobile e ovattato, una gran quiete. Tuttavia, nel fienile della fattoria Jessup, un cavallo è agitato. All’improvviso, uno sparo squarcia il silenzio! Il cavallo scalpita, recalcitra, e le redini che lo tengono legato a una staccionata si sciolgono. Qualcuno corre affannosamente in direzione del fienile, verso un’auto parcheggiata, ma la persona e l’animale s’incrociano. Il cavallo s’imbizzarrisce e s’impenna spaventosamente.

IL GIORNO PRIMA

Sul vialetto di casa Bauer che dà su Skyline Drive, ED aspetta qualcuno con impazienza. Arriva un’automobile, guidata da KEVIN. JASON scende dalla vettura, e apre la portiera a ROSS. Ed va incontro al vecchio amico e lo abbraccia. Gli dà un commosso e caloroso benvenuto, mentre non può fare a meno di osservare i suoi cambiamenti fisici. Ross lo chiama Edward. Ed è felice che l’amico abbia memoria di lui. Ross spiega di avere alcuni ricordi circoscritti. È dispiaciuto che il viaggio in auto dai Cedri a casa Bauer sia stato silenzioso e doloroso, perché non conosce quei due ragazzi che sostengono di essere i suoi figli. Ed gli dice che, in fondo, Kevin e Jason erano piccoli l’ultima volta che li ha visti. Ross vorrebbe che fosse questo il problema. In realtà, non ricorda proprio della loro esistenza. Pur avendo udito queste parole, Jason si dice fiducioso che tutti loro possano aiutare Ross a riacquistare la memoria. Kevin, invece, è silenzioso e incupito. Ed accompagna Ross in casa, seguito dai ragazzi. Entrano tutti in cucina. Nel vedere Ross, HOLLY ha un’espressione che sembra si possa tramutare in pianto da un momento all’altro. Sfiora il soprabito dell’uomo, come per assicurarsi che sia una presenza reale. Ed si è informato sulle condizioni di salute del suo migliore amico, ed è felice di sapere che sta bene. Holly dice che Blake è crollata, è stata sveglia per tutta la notte davanti alla stanza di Ross ai Cedri. Ross annuisce. Holly immagina che la figlia debba ancora riprendersi dallo shock, quando BLAKE fa il suo ingresso in cucina, manifestando di essere sveglia. Ross e Blake si guardano con occhi indagatori. 

VANESSA, BILLY, MINDY e MICHELLE sono nella sala d’attesa dell’ospedale di Milwaukee. Anche SHAYNE è venuto a dare sostegno ai suoi familiari. RICK si avvicina per aggiornarli sulle condizioni di salute di Bill. Il medico è stato autorizzato a collaborare con l’équipe che ha operato il sindaco di Springfield. Bill ha perso molto sangue, è stato trasfuso e operato. È stata una lunga operazione di chirurgia vascolare, per via del foro nell’arteria femorale, ma l’intervento è andato bene. Per la frattura al braccio, gli basterà indossare un tutore. Vanessa, Billy e gli altri si abbracciano, e tirano un sospiro di sollievo.  

Alla centrale di polizia di Springfield, FRANK viene informato dal detective AXEL JONES di Milwaukee in merito alla ricercata Tory Granger. Axel gli riferisce che Tory è scappata dalla cella nel seminterrato tramite un’uscita segreta, ma non è tutto. Frank apprende che all’alba hanno ritrovato l’auto di Tory distrutta da uno schianto e da un’esplosione avvenuta nella notte. All’interno dell’abitacolo c’era un cadavere carbonizzato, al cui dito è stata rinvenuta una fede nuziale con l’incisione “Elliot e Victoria per sempre”. La perizia dentistica ha confermato che si tratta di Tory Granger. 

Nel frattempo, CARRIE si trova in una stanza del Willow Hills Sanitarium, nella vicina cittadina di Clayton. La psichiatra JANE CLAREMONT ha fatto ricerche sulla donna, e ha ottenuto le sue vecchie cartelle cliniche dall’archivio ai Cedri. Del caso di Carrie si erano già occupati molti anni fa la dottoressa Sara McIntyre e il dottor Lawrence Ryder. Jane fa visita alla paziente, che sostiene di chiamarsi Victoria e di rivolere il suo Ross. Victoria lotta contro la personalità Carrie Anderson, alla quale invece non importa nulla di Ross, ma soltanto di poter uscire dal manicomio. Sono entrambe due personalità dominanti, e difficili da gestire. Con la sua voce cupa e scura, Carrie Anderson ammette che preferiva la compagnia di quella stupida Mrs. Wingrave, che era una donna più arrendevole. Jane chiude gli scuri della stanza, e tira fuori un piccolo orologio digitale da tavolo. Le hanno consigliato di “spostare le lancette” alle ore 23:00. Esprimendosi con una voce diversa dal solito (non l’inflessione giovanile di Victoria, né il timbro profondo di Carrie Anderson, ma un’intonazione diversa e un accento canadese), Carrie ordina a Jane di non farlo. La psichiatra non le dà retta, e avvia l’orologio alle 22:59. Victoria, la personalità più violenta, spinge l’orologio per terra, e aggredisce Jane, cercando di strangolarla.

A casa Bauer, Ed e Holly sono in pensiero per Blake che non ha chiuso occhio per tutta la notte. Anche PHILLIP, appena arrivato, si preoccupa per lei. Blake si avvicina a Ross e, con la voce rotta dal pianto, gli dice che per tutti questi anni ha creduto che lui fosse morto. Gli chiede perché non sia tornato a casa. Uno spaesato Ross cerca di giustificare la sua lunga assenza, e ripete per l’ennesima volta di non ricordare quasi nulla del suo passato. Blake lo supplica di scavare nella sua mente, ci sarà qualche ricordo sepolto da qualche parte. Ross dice di avere dei vaghi ricordi, alcuni nomi che riesce a collegare a dei volti, ma non ricorda i suoi sentimenti per queste persone. È quasi certo di avere una sorella e un fratello, Lainie e Justin. Phillip dice che è esatto, e che Justin è il suo padre biologico. Ross aggiunge di ricordare questo posto: la cucina dei Bauer è un luogo familiare per lui. Ricorda Bert, la donna della fotografia sul tavolino, e i suoi due figli Edward e Michael. Ricorda i nomi di altre persone: Henry Chamberlain e sua figlia Vanessa, la famiglia Spaulding, un uomo chiamato Roger Thorpe, sua moglie Holly, che suppone sia la donna accanto a Ed. Queste parole feriscono Blake, che si sente beffata dal fatto che Ross ricordi Roger, ma non lei e i loro figli. Ross si scusa, si rende conto che non debba essere facile per lei. Ora però rammenta di aver visto anche Blake in una specie di visione ambientata in una campagna elettorale. Spera che il loro matrimonio fosse felice, e di aver meritato il privilegio di essere sposato a una donna così bella. Le chiede se abbiano altri figli. Blake menziona Clarissa, la loro terza figlia, che non se l’è sentita di venire: ha paura che suo padre non si ricordi di lei, spiega Blake in lacrime. Phillip dice che l’importante è che Ross sia tornato, e che tutto si sistemerà. Ed prega Ross di fidarsi di lui, e gli promette che si rivolgeranno ai migliori specialisti per curare la sua amnesia.  

Due inservienti di Willow Hills intervengono prontamente per impedire a Carrie di strangolare Jane. Mentre Carrie viene legata al letto con dei lacci, emerge la personalità di Mrs. Wingrave che si scusa con la psichiatra per l’orologio scaraventato a terra. Non è stata lei, a lei piacciono gli orologi, quando era bambina era affascinata dall’elegante orologio da taschino di suo padre. Jane ha un orologio di riserva, con cui attua il suo piano: congelare il tempo, bloccando l’orario alle 23:00. Trascorsi cinquantanove secondi, l’indicatore dei minuti torna indietro, e l’orologio indica sempre le 23:00. Grazie a questo espediente, Carrie sembra svegliarsi da un lungo sonno. La donna si guarda intorno e si chiede dove sia finita. Jane prova a tranquillizzarla, liberandola, e le domanda il suo nome. La donna afferma di chiamarsi Carrie Todd Marler. 

A Milwaukee, Vanessa e Billy riescono a vedere BILL, che si è miracolosamente salvato, ma che non si è ancora svegliato. Billy accarezza il figlio, mentre Vanessa gli tiene la mano. Michelle confessa a Mindy di non sapere cosa avrebbe fatto se avessero perso Bill. Mindy abbraccia forte la cognata. Shayne chiama MARINA per avvisarla della buona riuscita dell’intervento.  

Alla centrale di polizia, Marina comunica la bella notizia a Frank, che però ha altri pensieri per la testa. Marina sa bene quale turbamento affligga suo padre, e lo prega di essere sincero, e di non reprimere i suoi veri sentimenti. È comprensibile che si senta sconfortato dopo il ritorno di Ross, nessuno lo biasimerebbe per questo. Frank dice di stare bene, e di essere felice che Ross sia vivo. Marina non ne è convinta. Anche BUZZ arriva alla centrale, per controllare come stia il figlio. Frank insiste che sia tutto a posto, ma Buzz gli fa notare che Blake è ancora sposata con Ross. Frank si dice certo che il suo rapporto con Blake non cambierà. Marina pensa che scaricare le tensioni al poligono di tiro lo aiuterebbe, ma Frank vuole fare un salto a casa Bauer. Ringrazia la figlia e il padre per il sostegno, ma dice di non averne bisogno. Marina e Buzz sanno che Frank sta interpretando il ruolo dell’eroe tutto d’un pezzo, e hanno paura che da un momento all’altro crollerà.  

A casa Bauer, ci s’interroga su dove possa andare a vivere Ross. Holly non ritiene sia il caso che l’uomo si trasferisca alla fattoria con Blake e Clarissa, dato che ci vive anche Frank. Ross chiede di chi stia parlando, e Blake lo informa che Frank Cooper è l’uomo che stava per sposare, pensando che lui fosse morto. Sarebbe stata bigama, poiché tecnicamente lei e Ross sono ancora sposati. Ed mette a disposizione l’appartamento sopra il garage, ma Ross non vuole essere d’intralcio, e chiede di un albergo. Kevin suggerisce il Beacon, ma tutti obiettano all’idea che Ross viva in un hotel. Phillip pensa che una soluzione temporanea possa essere ospitare lo zio a casa sua, ma Ross non vuole che si crei un disagio e che il nipote dorma sul divano. Phillip spiega a Ross che la Carriage House potrebbe aiutarlo a risvegliare i ricordi, perché un tempo era casa sua. Fu il regalo di nozze per lui e Carrie da parte di Amanda. Ross non riesce a capacitarsi di essere stato sposato con la donna che considerava sua suocera a Wingrave Manor, ma ricorda Amanda come una sua cara amica. Comparendo sull’uscio, AMANDA conferma che è così.

Anche MATT e MAUREEN arrivano all’ospedale di Milwaukee. Vanessa li informa che per fortuna Bill è fuori pericolo. 

Intanto, al capezzale di Bill, Michelle gli stringe la mano e gli parla. Il suo migliore amico apre gli occhi e, vedendola, sorride. 

A Willow Hills, la lucida e ragionevole Carrie vuole sapere come stiano Ross e la figlia di Ed Bauer, l’ultima volta che li ha visti erano entrambi in pericolo. Precisa che anche Tory ha bisogno d’aiuto, bisogna salvarla da se stessa. Jane la informa che Ross e Michelle stanno bene. Carrie si esprime velocemente, come se avesse fretta di comunicare tutte le informazioni possibili, ma Jane la invita a stare tranquilla, perché l’orario non cambierà, e nessuno potrà rubarle il tempo. Carrie dice che questo è impossibile: per quanto possa sforzarsi, la psichiatra non riuscirà ad arrestare lo scorrere del tempo. Fuori dalla stanza, il sole continuerà a sorgere e a tramontare ogni giorno, perciò chiudere gli scuri e far finta che siano sempre le 23:00 è solo un’illusione. Prima o poi, “le altre” se ne accorgeranno, e troveranno la maniera di uscire allo scoperto. Jane sostiene che, grazie a quest’inganno, possono almeno guadagnare del tempo prezioso per decidere il da farsi, e chiede a Carrie di raccontarle tutto dall’inizio. Carrie dice che incontrare Ross Marler è stato il dono più bello che la vita potesse farle. Purtroppo, il loro amore è sbocciato nel momento sbagliato. Con un sorriso di rassegnazione, Carrie interrompe il suo racconto, e ammette di non riuscire a tollerare quell’orologio bloccato alle 23:00 da oltre cinque minuti, le fa venire l’emicrania. Non possono fingere che il tempo non scorra, è uno stratagemma che non funzionerà, e lei teme di non avere abbastanza forze. Carrie pensa che sia l’ora dello spuntino di metà mattina, a giudicare dalla fame che sente, è come se non mangiasse da mesi. Vorrebbe qualcosa di salutare: un frullato di verdure, della frutta, preferibilmente mirtilli, e uno yogurt. Jane spera che Carrie possa continuare il suo racconto non appena si sentirà in forze. 

Frank arriva a casa Bauer, stringe la mano a Ross e, nell’imbarazzo generale, si dice d’accordo che l’uomo si trasferisca alla fattoria. Ross però ha già deciso: preferisce accettare l’offerta della sua amica Amanda…

Mentre scorrono le note di una canzone, passano le ore a Springfield e a Milwaukee. Michelle continua a parlare con Bill, felice che il suo migliore amico abbia lottato per rimanere vivo. Mindy e Maureen abbracciano Vanessa, mentre Matt e Shayne commentano la tempra dei Lewis insieme a un rincuorato Billy. A casa Bauer, Ed, Holly, Blake, Ross, Kevin e Jason pranzano insieme. Ross s’interroga sul suo passato, scrutando i volti dei commensali, e i gesti di tutti quei perfetti sconosciuti. Blake riceve un messaggio da Clarissa: “Ti voglio bene mamma, ma non sono pronta”. BETH e LILLIAN passano dai Bauer per un saluto a Ross, sempre galante e cortese, ma ormai stanco di tutte queste presentazioni a estranei che sanno tutto di lui, mentre lui non sa nulla di loro. Assicurato a una barella, Bill viene spostato all’eliporto sul tetto dell’ospedale, e da lì viene trasferito a Springfield in elicottero. Al poligono di tiro, Frank scarica la cartuccia della sua arma, trivellando il bersaglio. Poi toglie cuffie e occhiali, e si lascia abbracciare da Marina. Stanco di essere forte, e spaventato all’idea che la sua felicità possa sgretolarsi, Frank trova finalmente la forza di piangere. Marina conforta il padre, dicendogli che lo sosterrà sempre, e che anche gli eroi come lui hanno il diritto di sanguinare. 

Ross e Amanda entrano a Villa Spaulding. Ross ricorda che Amanda aveva scoperto di essere figlia del milionario Alan Spaulding. Amanda lo informa della sua morte, e Ross ne è dispiaciuto. La donna gli presenta HILDA, la governante, che sarà a sua disposizione per qualsiasi necessità, e lo invita a non esitare a chiedere. Hilda mostra a Ross la sua camera. Mentre si ambienta, l’uomo nota una porta divisoria chiusa nell’anticamera. Hilda gli spiega che la stanza è comunicante con quella della baronessa Von Halkein, che però domani farà i bagagli e lascerà la villa, per la gioia della signora Spaulding che non sopporta più la sua… estrosità. 

Al tramonto, nel giardino della villa, Kevin e Phillip guardano in alto, verso la finestra della camera di Ross. Kevin riconosce di aver passato tutta la vita a odiare Rick e Phillip per la morte di suo padre, quando invece l’uomo era vivo e vegeto. E ora, ironia della sorte, nemmeno si ricorda di lui. Phillip lo esorta a dare del tempo a Ross, e si augura che tutto vada per il meglio. I due cugini, finalmente, sembrano riappacificati e, vedendo quanto Kevin sia demoralizzato, Phillip trova la forza di abbracciarlo e perdonarlo. 

Cala la sera. Ross, in pigiama, sta leggendo un libro, quando la porta divisoria si apre. INDIA fa capolino e saluta Ross sventolando la sua nobile mano con classe. Ross è imbarazzato. India si fa avanti, con una vestaglia di seta fucsia che svolazza qua e là. Avvisa Ross che si offenderà se lui non si ricorda di lei. Ross cerca di non urtare la sensibilità della baronessa, ammettendo di aver visto di recente una loro foto insieme. India, amichevole ma intrigante, gli racconta che il loro rapporto era fantastico e appassionato, e dicendo queste parole, balza sul suo letto. Ross è sempre più imbarazzato, e cerca di coprirsi con il lenzuolo. India ricorda che la loro relazione era galante, colta, raffinata, una storia d’altri tempi, ed esagera un po’ per far credere a Ross chissà cosa. La donna si rammarica di dover lasciare Villa Spaulding domani, perciò sarebbe bello approfittare di quest’ultima sera per stare con Ross. Quando l’uomo scopre che India è tornata per il funerale della sua matrigna a bordo di una limousine, rammenta di essere stato quasi investito dallo stesso modello di automobile. India fa un’esclamazione di sorpresa, ricordando l’episodio e ammettendo che Ross sarebbe potuto rimanerci secco. Ross, seriamente impaurito, cerca di scansare le grinfie di India, che lo invita a non essere timido, offrendogli da bere. Il poveretto si dichiara astemio. India capisce che Ross ha paura di essere avvelenato, e beve, confessando di avere usato un veleno una volta, era un afrodisiaco destinato a Phillip, ma Ross non deve temere nulla. India beve un bicchierino di troppo, e si addormenta sul letto di Ross, scivolando sopra di lui che non sa come divincolarsi.

Ross sgattaiola via, e vaga nel corridoio fino ad arrivare nello studio. La luce di una lampada illumina la figura di Vanessa, seduta sul divano mentre sfoglia un vecchio album di foto. Vanessa nota la presenza di Ross, e gli dice che stava cercando delle foto da mostrargli. È felice che lui l’abbia raggiunta. Tranquillizzato da una voce a lui familiare, Ross si siede sul divano, e Vanessa scoppia in lacrime per la gioia di rivederlo. Si scusa per non averlo salutato prima, ma ha avuto una giornata difficile, in ansia per suo figlio Bill. Ross è dispiaciuto per quello che è successo a Wingrave Manor, ma Vanessa gli dice che non è colpa sua. Ross abbraccia la sua cara amica, ha parecchi ricordi di lei e di suo padre Henry Chamberlain, “un uomo perbene”. Ross spera che Vanessa possa aiutarlo a colmare il suo senso di vuoto. Lei sorride, e conferma di essere la sua memoria storica, si conoscono da quando erano dei ragazzini. Ross si augura di ritrovare se stesso tramite le parole di Vanessa, e di sapere qualcosa anche del loro passato. Vanessa lo avvisa che è una lunga storia. Ross sorride, ed esclama che sarebbe felice di sentirla. Così, per qualche ora, Vanessa racconta a Ross la sua avventurosa vita, mostrandogli delle foto e parlandogli anche del loro rapporto, della loro figlia Dinah, e degli altri figli che lui ha avuto da Blake.  

Alla fattoria Jessup, Blake e Frank girano intorno alla questione “Ross”. Blake non crede che Tory sia morta, ha già inscenato la sua morte più volte in passato, ma Frank le dà garanzie a riguardo. L’uomo vorrebbe affrontare l’argomento più importante, e spera che Blake sia schietta e sincera come sa essere. Blake gli dice di amarlo, ma Ross è tornato, e lei è ancora sua moglie. La donna non sa cosa fare. Anche Frank in questo momento è pieno d’insicurezze, ma sa che devono fare i conti con il ritorno di Ross. Tuttavia, capendo che Blake non è ancora pronta, Frank decide di pazientare e di darle del tempo per elaborare la cosa. È troppo presto per prendere una decisione. Blake sale al piano di sopra, mentre Frank resta da solo con Jason. Suppone che anche il ragazzo voglia prendersi del tempo. Jason gli si siede accanto, e lo abbraccia. Gli chiede chi c’era quando lui ha frequentato l’accademia di polizia, quando è diventato detective, chi c’è ogni giorno a coprirgli le spalle nelle situazioni rischiose. La risposta è sempre Frank, lui per Jason è il numero uno. Ross sarà sempre suo padre, ma anche Frank lo è. Frank, commosso, lo abbraccia.

Nascosta nel corridoio di Villa Spaulding, CLARISSA sente Vanessa e India che parlano di lei a Ross, e quando l’uomo esprime il desiderio di conoscerla, la ragazza trova il coraggio di entrare, rimanendo in silenzio. Ross è folgorato dalla bellezza di Clarissa. India e Vanessa lasciano padre e figlia da soli, e Ross augura alle due donne la buonanotte. Clarissa si presenta, dicendo il suo nome completo, la sua data di nascita, e raccontando le circostanze in cui è venuta al mondo, grazie all’amore di due persone che si amavano. Ross si alza in piedi e non le lascia terminare il discorso, stringendola forte a sé. Clarissa vuole guardare bene Ross, l’ultima volta che ha visto suo padre aveva solo sei anni. Ha portato anche lei un album fotografico, che però è più esiguo di quello della signora Chamberlain. Ross le chiede di prestargli il cellulare, e scatta un loro selfie insieme. Clarissa sorride. Ross le dice che questa foto è l’inizio di una nuova e lunga serie di ricordi. 

I primi raggi del sole filtrano tra le nubi che coprono Springfield. I lavori al faro proseguono speditamente. Ed, Billy, Matt e Shayne discutono di come la Lewis Costruzioni abbia preservato i componenti storici dell’edificio, che sta tornando come nuovo. Poco distante, è stata montata la tendostruttura che ospiterà l’evento di “Springfield is Inclusion”. Billy spera che Bill possa partecipare. 

Ai Cedri, Michelle si prende cura di Bill, sveglio e pimpante nel suo letto. I due amici sono costretti a fare i conti con quello che si sono detti in fondo al dirupo. Michelle cerca di tergiversare. Bill si rende conto di averle dichiarato il suo amore in punto di morte, e pensa che Michelle abbia ricambiato per compassione. Michelle giura che non si trattava di compassione. Bill ribadisce che entrambi hanno espresso i loro sentimenti in un momento sbagliato, perciò non è il caso di attribuire troppa importanza a quelle parole, o di sentirsi in imbarazzo. L’uomo, però, trova giusto precisare a Michelle che sentirla contraccambiare i suoi sentimenti è stato ciò che l’ha tenuto in vita. FIONA interrompe i due “piccioncini” per aiutare Bill a vestirsi: l’uomo ha insistito per presenziare, anche se malconcio, all’evento per “Springfield is Inclusion”. Michelle lo avvisa che lo terrà d’occhio, e che dopo l’evento torneranno in ospedale per altri esami. Fiona scherza con Bill: alla fine sarà lui a conquistare il cuore della malinconica dottoressa Bauer? 

Amanda accompagna Ross sulla Thornway Road, e gli indica, tra gli alberi, la Carriage House: è la casa che Amanda ha regalato a Ross e Carrie per il loro matrimonio, quarant’anni fa. Tutte le proprietà della grande tenuta Wexler di Thornway Road erano passate ad Amanda, alla morte della sua matrigna Lucille Wexler. C’era anche un bel cottage che ha visto transitare tanti inquilini, legati ad Amanda: Ben McFarren, Eve Stapleton, Jennifer e Morgan Richards, Mark Evans. Invece la Carriage House era, un tempo, la rimessa delle carrozze della tenuta. Oggi ci vivono Phillip e Beth, ma Ross ci ha vissuto prima con Carrie e poi per un decennio con Blake. Purtoppo Ross non ricorda matrimoni precedenti a quello con Tory. Amanda, Phillip e Beth lasciano Ross e Blake da soli, davanti alla porta rossa della Carriage House. 

A Willow Hills, Jane chiede a Carrie come stia oggi. Carrie non è riuscita a chiudere occhio, ha delle fortissime emicranie, e si sente debole. L’orologio dal meccanismo inceppato è deleterio per lei, le ha fatto perdere la cognizione del tempo. Carrie sente delle voci che si affollano nella sua testa, e le sembra di impazzire. Jane vorrebbe sapere altri dettagli della sua vita a Springfield. Carrie ricorda la sua casa, la Carriage House, l’aveva riempita di piante e arredata per Ross, era il loro nido d’amore. Carrie si rammarica per il male che ha fatto al marito. Jane le chiede se sia stata lei a fargli del male. Carrie risponde di no, ma aggiunge di non essere stata abbastanza forte da impedirlo. 

Nel salotto della Carriage House, Blake dice a Ross che, ogni volta che lui entrava, il suo sorriso riempiva la casa. Ross sfiora le pareti e alcuni oggetti. Blake ricorda quanto insieme si divertissero, litigando e facendo pace. Ross ride, e suppone che con Blake non si sia mai annoiato. Blake risponde che un amore come il loro è molto raro. Lo capirono la prima volta che fecero l’amore, durante un blackout a Springfield. Ross ha un ricordo flash di un’elezione per il Senato, non è la prima volta che gli succede. Blake gli racconta che lui era stato eletto senatore, ma ha rinunciato per salvarla, perché teneva a lei più che a chiunque altro. Ross la abbraccia, e si augura che un giorno possano riaffiorare tutti i ricordi. I due decidono di andare al faro per l’evento al quale ha collaborato anche Clarissa. Ross dà un’ultima occhiata alla casa, e ha un flashback di una giovane Carrie che lo accoglie con un abbraccio. 

Alla tendostruttura, Clarissa incoraggia un’emozionatissima MEG, sostenuta anche da FLETCHER. Ci sono gli altri ragazzi di Springfield, tra cui THOMAS, RYAN, HENRY, PEYTON e HOPE. Holly, Rick e Mindy si complimentano con i giovani per i lavori realizzati. Comincia ad arrivare parecchia gente. Peyton conosce LALITA, la giovane bibliotecaria di Milwaukee e, trovandola simpatica, le illustra il progetto “Springfield is Inclusion”.  

Quando arriva anche Bill, su una carrozzina spinta da Michelle e Fiona, tutti sono felici. Hope corre incontro alla madre e allo zio Bill. Michelle nota che la figlia è particolarmente contenta. Hope guarda in direzione di Ryan, e Michelle e Fiona capiscono che tra i loro figli c’è del tenero. 

Rick propone a Fiona una tregua, per la serenità del loro lavoro in ospedale. Fiona desidera essere chiara, e lo informa dei problemi che ci sono stati tra i loro figli. Adesso è tutto risolto: Ryan si è scusato per il suo comportamento da bullo, e la dottoressa Claremont lo sta aiutando a gestire la rabbia. Rick e Mindy s’incolpano di essere stati dei cattivi genitori e di non essersi accorti di quello che accadeva a Thomas, ma il ragazzo li stupisce, trovando finalmente il coraggio di esprimere il suo affetto ai genitori. Rick e Mindy lo abbracciano, commossi.  

Ross riconosce Michelle come la giovane dottoressa che l’ha salvato a Milwaukee, e la ringrazia calorosamente. Non sapeva che fosse la figlia del suo amico Edward Bauer. Kevin dice che Michelle ha fatto breccia nel cuore di tutti, compreso il suo. Come Maureen Bauer con Roger Thorpe. Michelle è certa che Kevin riuscirà a creare un rapporto speciale con Ross, indipendentemente dall’amnesia. 

Ross è sorpreso di vedere il volto amico della giovane Lalita, e la presenta a Phillip. I due si sono già conosciuti nella biblioteca di Milwaukee. Lalita afferma di essere laureata in letteratura con il massimo dei voti, e di aver letto i libri di Phillip e seguito i suoi podcast. Ross pensa che Phillip potrebbe assumerla come assistente all’Università.

Bill viene accompagnato su un palco, dove tiene il suo discorso inaugurale. Il sindaco sogna una Springfield inclusiva a tutti i livelli. L’integrazione esiste già, ma bisogna fare di più, per una società più giusta. Bill promette che Springfield s’impegnerà a offrire gli strumenti per far raggiungere il massimo potenziale a tutti. A un certo punto, Bill ha un capogiro, e crede di vedere, tra la folla, un cervo che avanza, ricoperto di sangue. 

Bill interrompe il suo discorso, e indica l’animale che nessun altro vede. Michelle capisce che qualcosa non va, e sale sul palco per soccorrere l’amico. Pensa che Bill sia ancora debilitato e che sia il momento di tornare ai Cedri, ma Bill si riprende e insiste per terminare la sua presentazione. Il sindaco dice al pubblico che “Springfield is Inclusion” sarà una tendostruttura permanente, e che sarà il luogo deputato a tutte le idee e alle proposte che possano rendere la loro città il fiore all’occhiello d’America, una strada maestra, una luce guida per tutti. Anche il loro faro è quasi pronto! 

A un segnale stabilito, alcuni imbianchini della Lewis Costruzioni si calano dal faro, legati a delle imbracature, e dipingono l’esterno dell’edificio come tanti Spider-Man. Tutti applaudono.

Il telefono di Vanessa squilla, e la donna si allontana per sentire meglio. Il direttore della banca di Springfield la informa che Kim Saetang, la beneficiaria dei pagamenti di Henry Chamberlain, era una cittadina coreana, deceduta un paio di anni fa.

Maureen abbraccia Matt, dicendogli di essere orgogliosa di lui, e non perde l’occasione di lanciare un’occhiata soddisfatta ad Amanda, che è l’unica a non applaudire.

Phillip dice a India che tutto questo è anche merito suo: ha lottato per il faro come e più di tutti loro. India ammette che la sua missione sia finita, e annuncia a Phillip la sua partenza. Tornerà dalla sua piccola Dorie. Phillip commenta che la piccola Dorie è una donna adulta, ma India risponde che rimarrà sempre la sua bambina, l’amore della sua vita. India abbraccia Phillip, approfittandone per palpeggiarlo, e gli garantisce che questo non è un addio. Si separano solo per incontrarsi di nuovo. 

Bill cede la parola a Meg, colei che ha avuto l’idea di “Springfield is Inclusion”. Holly e Fletcher sono in prima fila. Meg è grata di essersi sentita accolta a Springfield, senza pregiudizi e discriminazioni, atteggiamenti contro i quali ha dovuto lottare in passato, e che fanno solo danni. Springfield è stata per lei una casa, ma ora ha deciso di andare a vivere da sola, in una comunità che ha conosciuto tramite la casa editrice delle filastrocche. Meg esorta tutti gli abitanti di Springfield a non fermarsi mai a quello che vedono gli occhi, ma a seguire il cuore. Si leva un lungo applauso.  

Delle hostess invitano tutti a partecipare al rinfresco. Hope e Ryan si appartano per baciarsi. Quando Hope si allontana, il ragazzo si accorge di perdere sangue dal naso, e si pulisce senza dar peso alla cosa. 

Fiona si presenta a Ross, dichiarandosi felice che lui sia vivo. Ross probabilmente non lo ricorderà, ma all’inizio del 2006 l’ha aiutata a ottenere l’affidamento esclusivo di suo figlio Ryan, in una battaglia legale contro il suo violento ex-compagno. 

Improvvisamente, Fiona intravede un uomo con un cappello nero, e sul suo volto compare un’espressione inorridita. È sicura di aver visto “lui” tra la folla… Fiona si agita e si guarda intorno, in preda al panico. La donna si scusa con un ignaro Ross, e si allontana. Incrocia Thomas, al quale chiede con ansia se abbia visto Ryan. Thomas l’ha visto allontanarsi con Hope. Fiona controlla la sua borsa: all’interno c’è una pistola.

Un uomo misterioso, in una posizione defilata, spia Fiona. Una voce lo richiama, costringendolo a smettere: “Autista!”. L’uomo si volta, e vediamo India di fronte a lui. La baronessa lo informa che la festa è finita, e che può accompagnarla in aeroporto. L’autista scorta India alla limousine e si mette alla guida, con uno sguardo torvo e minaccioso.   

Ross chiede a Kevin di accompagnarlo in un posto perché deve fare una cosa importante.

Fletcher saluta Bill e Michelle. Anche lui è in partenza. L’uomo augura a Bill una pronta guarigione, e informa Michelle che andrà a trovare sua madre, Claire Ramsey. Michelle commenta che Claire è fortunata a poter contare su Fletcher. L’uomo ha un’altra cosa da dirle: ha ritrovato in fondo alla tasca di una vecchia valigia un piccolo ciondolo intagliato in cedro del Libano. Lo aveva comprato Maureen a Beirut tanti anni fa, ma non lo avevano più ritrovato. Raffigura un cerbiatto. Michelle è commossa. Fletcher le dice che Maureen era la luce di questa città, e che la stessa luce vive dentro Michelle, perciò la esorta a non spegnerla mai. 

Con la voce rotta dal pianto, Holly dice a Meg di essere fiera e orgogliosa di lei. Meg confessa che desiderava tanto essere indipendente. Holly le promette che andrà a trovarla spesso. Blake abbraccia la sua sorellina, che le augura di trovare anche lei una grande casa che possa contenere tutto l’amore che è capace di dare. Una hostess dell’evento consegna a Blake un biglietto. È da parte di Ross: l’uomo ha ricordato un evento importante del loro passato, e vuole parlarne con lei. Kevin lo sta già accompagnando alla fattoria. Blake è visibilmente emozionata.  

Nel cottage di Cross Creek, Marina esorta Frank a lottare per il suo amore, e l’uomo decide di andare a cercare Blake, mentre Shayne ed Henry abbracciano Marina. All’esterno del cottage, qualcuno li sta spiando: è Jane Claremont! Quando i tre escono per tornare al rinfresco, la psichiatra entra in casa loro. Jane si guarda intorno, si siede sul divano, e commenta che Cross Creek è davvero un posto carino per viverci, e che la Cooper è così fortunata! La donna si alza, nota sulla mensola del camino l’incisione “Reva & Josh always forever”, e la sfiora con le dita. 

Al rinfresco, Phillip e Beth regalano a Lillian e Buzz due biglietti per una lunga crociera nel mar Mediterraneo. Phillip sa quanto entrambi volessero bene a zia Alex, e alla povera Sophia La Ferla. Spera che con questa crociera possano distrarsi un po’. Beth è felice che sua madre vada in vacanza, inoltre Buzz potrà mostrarle i suoi luoghi di origine. Pieni di entusiasmo, Buzz e Lillian ringraziano Phillip e Beth, e si baciano.

Ai Cedri, mentre Michelle parla con una distratta Fiona del fatto che i loro figli si piacciano, la carrozzina di Bill urta inavvertitamente l’infermiera. A Fiona cade la borsa, da cui fuoriesce una pistola che scivola sul pavimento. Bill, Ed e Michelle restano impietriti e sgomenti. 

Kevin, che ha accompagnato Ross, gli chiede se voglia essere lasciato qui. Ross risponde di sì.

Blake si trova alla fattoria Jessup, in attesa di Ross. Il pomello della porta d’ingresso gira.

Ross apre una porta, ma… non è quella della fattoria Jessup. È la stanza di Carrie a Willow Hills!

Alla fattoria Jessup, Blake vede la porta aprirsi. Davanti a lei compare TORY GRANGER! È vestita come una delle hostess dell’evento al faro. Tory dice a Blake che finalmente si rivedono, ma che questa sarà l’ultima volta. Blake è spaventata, ma era sicura che Tory fosse viva. Tory si complimenta con lei per la sua perspicacia, e le spiega di aver ucciso un’agente immobiliare ficcanaso, una certa Rhonda Murphy, che una volta l’aveva infastidita. Ha perfino sacrificato qualche suo dente per far credere a tutti di essere morta nell’incidente. Ora però vuole la sua vendetta. Blake la informa che Ross sta arrivando. Tory è spiacente, ma il biglietto era una trappola, Ross non verrà! Lei sa imitare alla perfezione la calligrafia di suo marito, e con Blake morta, il loro matrimonio sarà valido. Tory le punta una pistola.

Carrie dice a Ross di essere dispiaciuta per non averlo liberato in tutti questi anni. C’è il caos dentro di lei, e teme che a Willow Hills non riusciranno a guarirla. Ross le promette il suo aiuto.  

Nel corridoio, Ross chiede a Kevin di aiutarlo a far uscire Carrie da questo posto, del resto il ragazzo è un avvocato di talento. Kevin si arrabbia: non si vedono da anni, e la sola richiesta che gli fa è di aiutare una delle due donne che l’hanno sequestrato e tenuto lontano dai suoi figli? Ross cerca di difendere Carrie, ma Kevin dice di aver passato tutta la vita a idealizzare suo padre e a odiare gli altri. Pensa di aver sbagliato tutto: Ross non è più il padre per il quale lui stravedeva, e se è tornato per far soffrire sua madre, può anche andarsene al diavolo! Mentre pronuncia queste parole, Kevin ha la voce rotta dal pianto. Sul volto di Ross compare un’espressione di tristezza e senso di colpa.

A casa Bauer, Rick, Mindy, Phillip e Beth si accorgono che fuori sta nevicando. Peyton e Thomas corrono in giardino a godersi la prima nevicata. I “quattro moschettieri” dicono che Thomas e Peyton sono felici e al sicuro, Ross è vivo, perciò concordano che sia il momento di smetterla con i sensi di colpa. Adesso la nuova generazione merita un po’ di spensieratezza. Rick dice che andrà tutto bene. Nello stesso momento, a causa della porta della cucina rimasta aperta, una folata di vento fa cadere per terra il portafoto con l’immagine di Bert Bauer. Il vetro della cornice va in frantumi. 

Ai Cedri, Ed si china per raccogliere la pistola da terra. Michelle prega il padre di non toccare l’arma. Fiona lo rassicura dicendogli che è scarica. Ed e Bill le chiedono perché vada in giro con una pistola. L’infermiera svela le sue paure, e dice ai tre di aver visto all’inaugurazione il padre di Ryan, Rudy Caputo. “È un uomo pericoloso”, dice terrorizzata. 

RUDY CAPUTO abbassa il vetro divisorio della limousine e chiede alla baronessa Von Halkein se lo champagne sia di suo gradimento. India sventola la sua mano verso l’esterno con il palmo verso il basso, come a rispondergli di non seccarla. Rudy rialza il divisore. Sulla strada, poco più avanti, si vedono le indicazioni per l’aeroporto di Springfield, ma in prossimità dei cartelli, Rudy sterza di colpo, e imbocca un sentiero sterrato… 

Mentre Tory la tiene sotto tiro, Blake si accorge di trovarsi nel punto esatto in cui suo fratello Hart è stato colpito a morte. Intanto Clarissa e Jason arrivano alla fattoria. Tory si distrae, sentendo il rumore della loro auto, e Blake ne approfitta per lanciarle un pesante oggetto d’antiquariato, e fuggire verso l’uscita. Tory la insegue sul portico, e riesce ad afferrarla per i capelli, sotto gli occhi di Jason e Clarissa. Jason impugna la sua pistola, ma Tory gli ordina di gettare via l’arma, o ucciderà sua madre. Jason è costretto a obbedirle. Blake implora Tory di lasciare i suoi figli fuori da questa storia, e di andare insieme in un posto isolato e farla finita. Minacciati dalla folle psicopatica, Jason e Clarissa sono costretti ad allontanarsi. Tory ordina a Blake di camminare, la sua auto si trova nei pressi del fienile. Blake si finge condiscendente, ma appena ne ha l’occasione reagisce. Jason si precipita intervenendo nella lotta tra le due donne, e urlando “Nooo!”. Si sente uno sparo.

Cade la neve su Springfield. C’è un silenzio assurdo, una quiete assoluta. Tuttavia il cavallo di Clarissa, legato nel fienile della fattoria Jessup è agitato. All’improvviso uno sparo squarcia il silenzio. Il cavallo recalcitra e scalpita, e le redini che lo tengono legato si sciolgono. 

Tory corre affannosamente verso l’auto che ha parcheggiato vicino al fienile, ma taglia la strada al cavallo. L’animale s’imbizzarrisce e s’impenna. Colta di sorpresa, Tory cade per terra, picchiando violentemente la testa su una roccia.

Con un filo di voce, Clarissa mormora “mamma”, e si accascia sul prato. È stata raggiunta dal proiettile esploso. Blake, Jason, e anche Kevin, appena arrivato, si precipitano verso di lei, ma non sentiamo le loro voci. Clarissa rivede come in un flash alcuni istanti della sua vita: le pedalate in bicicletta, il bacio dato a Shayne, le risate con India al Country Club, i Lighthouse Keepers, il rappacificamento con Marina, Buzz che le prepara i vegan-burgers, un abbraccio dato a Frank, la complicità con nonna Holly, la gioia di Meg quando Bill ha sostenuto il loro progetto, la cavalcata fino alle cascate Laurel, Kevin e Jason che ridono insieme, l’emozione di Blake alla festa sullo yacht, il selfie scattato con Ross.

Il sangue tinge di rosso la neve che si è accumulata sul prato. Clarissa ascolta la sua stessa voce. È la sera della festa di addio al nubilato, e la ragazza ridendo manda via gli ultimi invitati rimasti, dicendo: “La festa è finita”. 

Mentre Blake, Kevin e Jason si disperano sotto la neve in attesa dell’ambulanza, un’ultima lacrima sgorga dagli occhi vitrei, persi nel vuoto, di Clarissa Marler.

FINE DEL TREDICESIMO E ULTIMO EPISODIO

Creato da
MARCELLO MARINO
SALVO VASSALLO

Scritto da
SALVO VASSALLO
MARCELLO MARINO

Cast
EdKevinJasonRossHolly
BlakeVanessaBillMindyMindy
MichelleShayneRickFrankAxel
CarrieJanePhillipBillMarina
BuzzAmandaMattMaureenBeth
LillianHildaIndiaClarissaFiona
MegFletcherThomasRyanHenry
PeytonHopeLalitaToryRudy

We do not own Guiding Light or any of the related characters. The Guiding Light soap opera is created by Irna Phillips and owned by Procter & Gamble. All rights of Guiding LIght belong to Procter & Gamble. This story is a work of fanfiction and is meant for entertainment only. We are not making profit from this story.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...