Il diario di Mindy – Settimana 6

bannerdiariomindy

Il Diario di Mindy – Riassunto Settimana 5

Rick fatica ad accettare quanto gli ha detto Leah sulla scuola riservata a ragazzi iperdotati e sul fatto che alcune persone hanno problemi nel credere che lei sia davvero una Bauer, così chiede consiglio a Ed. Questi ammette tristemente di essere stato un nonno troppo assente e di non conoscere veramente Leah, quindi non sa cosa dire, ma esorta Rick a pensare a cosa avrebbe consigliato di fare Bert. Rick capisce che deve parlare con Mel.

Mel è furiosa perché Rick ha cercato di fare pressioni su Leah Lui è arrabbiato perché lei non gli ha mai raccontato i problemi della figlia. Mel ribatte che comunque Rick non avrebbe potuto fare niente in merito.

Sperando di trovare un alleato, Rick si reca da Clayton Boudreau, il padre di Mel. Facendo leva sulle lotte degli Afro-Americani per ottenere il diritto all’educazione, cerca di convincere Clayton a perorare la sua causa con la nipote. Clayton rifiuta: come Rick, anche lui aveva spinto la figlia a seguire programmi speciali e il risultato era stato che Mel lo ha accusato di avere trasformato la sua vita in un tentativo di accontentare tutti a discapito di se stessa, tanto che aveva imparato ad essere veramente felice solo lo scorso anno. Non infliggerà lo stesso destino a Leah.

Bill si reca da Mindy. E’ preoccupato per Lizzie che sembra ossessionata in modo malsano dal rapporto tra Sarah e Aubrey, la ragazza di Jonathan. Bill teme che Lizzie possa trascurare Alana. Mindy cerca di tranquillizzarlo, ma più tardi, Lizzie la chiama chiedendole di occuparsi di Alana: Jonathan è fuori città e lei non vuole che Sarah stia con Aubrey.

Il Diario di Mindy – Settimana 6

26 Ottobre 2009

Lizzie mi sta pregando di occuparmi di Alana e di non dire a Bill che lei sta andando da Aubrey per riportare a casa Sarah, visto che Jonathan è fuori città.

Io non voglio mentire a mio fratello, così dico la prima cosa che mi viene in mente per distogliere l’attenzione di Lizzie e le rivelo che Phillip sta progettando di dare via tutta la fortuna degli Spaulding.

Questo sicuramente attira l’attenzione di Lizzie! Per fortuna non stava tenendo in braccio la bambina! L’avrebbe lasciata cadere di sicuro! E’ incredula e io le ripeto la cosa, scusandomi mentalmente con Phillip e Beth per essermi immischiata in questioni che non mi riguardano… di nuovo. Ma in momenti disperati…

Lizzie chiede se il padre è impazzito. Io non ho detto questo, ma se lo si chiede a Beth la risposta è sicuramente si! Propongo che se Lizzie sente la necessità di uscire di casa per un po’, potrebbe andare a trovare i genitori per parlare di questo, mentre io mi occuperò di Alana.

Ce l’avevo quasi fatta. Potevo vedere che stava considerando la cosa. Niente come una potenziale vita di povertà – o in classe media – aiuta la concentrazione di una ragazza!

Ma non è andata bene… Lizzie scuote la testa e dice che forse lo farà dopo, perché ora deve andare a prendere  Sarah e insiste con la sua richiesta di tenerle Alana. Che posso dire? Avevo una voglia matta di mettere le mie mani su quelle dolci guanciotte dal momento in cui è nata. E’ il momento di zia Mindy! Inoltre, chi sono io per interferire nel matrimonio di Lizzie e Bill? Se lei vuole mantenere un segreto, è una sua decisione, non mia!

Lizzie mi ringrazia tantissimo, poi mi spiega che Alana ha appena mangiato ed è stata cambiata. Sta dormendo ora, quindi non c’è molto da fare per me. Che disdetta!

Lizzie esce ed io inizio a ponderare l’idea di dare un piccolo pizzicotto a Alana (piccolo piccolo) per vedere se si sveglia, però… non mi sembra giusto. Così ne approfitto per informarmi su come va la vita a Bay City: Mike, lo zio di Rick ci ha vissuto una volta e diceva che gli ricordava Springfield. (http://anotherworldtoday.com/)

Alana continua a dormire, per cui… è ora di dedicarmi a Twitter! Adoro avere notizie da voi, siete i migliori!

Ho visto che siete curiosi di sapere come ho scoperto che Roger fosse morto e cosa ho provato. Beh è stato papà a dirmelo. Potete immaginare come lui si sentisse. Riguardo a me… non sono sicura di cosa ho provato. Certo doveva esserci QUALCOSA di buono per farmi innamorare di lui, ma… ora non riesco a ricordarlo.

Qualcuno ha chiesto se ho mai preso in considerazione l’idea di trasferirmi a Oakdale, dove magari Rick potrebbe lavorare come capo dell’ospedale. Mi spiace, ma Rick ed io non intendiamo lasciare Springfield: le nostre famiglie abitano qui e… anche i nostri nemici!

Ho letto che eravate interessati ad avere notizie di Justin Marler, il padre biologico di Phillip. Justin vive in Montana. Lui e Phillip si sentono sporadicamente e i loro rapporti sono tesi. Phillip mi ha raccontato, una volta, che Justin non aveva accettato il fatto che Alan sarebbe sempre stato il suo vero padre, nel bene e nel male. Avevano avuto una lite in merito quando Justin era andato a far visita a Phillip in Arizona anni prima. Justin continuava a discutere sui difetti morali di Alan. Phillip gli aveva ricordato che Jackie lo aveva dato in adozione perché aveva sorpreso Justin a letto con Brandy, quindi chi era lui per parlare di moralità? Il loro rapporto è diventato teso da allora. E secondo me il fatto che Phillip sia parzialmente responsabile della morte di Ross non ha aiutato. Una cosa ho imparato su Phillip in 25 anni: lui può screditare Alan quanto vuole, ma guai se qualcuno dice qualcosa contro di lui! Non posso biasimarlo. Noi Lewis siamo uguali!

Scusate, il campanello sta suonando. Spero che non svegli Alana!

Apro la porta. In piedi, avvolta nella sua pelliccia, trasportando un enorme cavallo a dondolo con un fiocco, ecco Alexandra Spaulding. Oh, Signore, dammi la forza…


27 Ottobre 2009

Alex mi fa notare che le persone bene educate invitano gli ospiti ad entrare e non restano a bocca aperta, in piedi sulla porta, come stupidi. Chiudo la bocca e la lascio entrare. E’ bello sapere che un anno all’estero con Fletcher non ha indebolito il suo innato essere così… “Alexandra”.

Entra rapidamente chiedendo di Lizzie e spiegando di essere venuta a conoscere la sua nuova pro-nipote. Io la correggo, sottolineando che è la pro-pro-nipote. Non è male ricordare ad Alex che è VECCHIA!!! (Sono stata meschina? Mi sento un po’ meschina, ma… a pensarci bene non mi importa).

Dico ad Alex che Lizzie è fuori ed Alana sta dormendo. Lei ripete il nome “Alana” e si ferma a riflettere, quindi chiede come è possibile che Bill abbia accettato un tale nome!  Le rispondo che mio fratello mi ha spiegato che ha accettato perché sa che l’idea di una Alana Lewis farà rigirare Alan  nella tomba (O nella sua urna… O ovunque sia!)

Questo fa ridere Alex. La sua risata suona quasi non cattiva… per un momento. Ma poi lei si sente in obbligo di informarmi che ha appena visto Nick. Il mio ex è, a suo dire, immensamente felice. Ovviamente è implicito un “senza di te”. Chi immaginava che Alex fosse così piena di tatto… Torna a casa, Lizzie! Subito!

Alex mi porge le sue congratulazioni per il mio recente matrimonio e si scusa per non aver mandato un regalo. Tuttavia si premura di farmi sapere che ha inviato le sue condoglianze a Ed…

Scusate la temporanea interruzione nei miei aggiornamenti. Ho intenzione di andare ad uccidere Alex ora. Vi farò sapere come va presto.

28 Ottobre 2009

Grazie a tutti quelli che hanno scritto, preoccupati. Non ho ucciso Alex… ancora. Lei deve la sua vita ad Alana. La bambina si è svegliata e mi ha dato la possibilità di fuggire da lei.

Alex che tiene Alana, sembra quasi umana! Provo quasi dispiacere per lei quando sospira che adora i bambini e che vorrebbe avere avuto la possibilità di crescere i suoi… Ma poi lei si sente in dovere di ricordare che se fosse stato per me, non si sarebbe mai riunita a Nick…

La guardo. Non ho niente da dire. Per quanto mi riguarda ho pagato con gli interessi il fatto di aver cambiato i risultati del DNA di Nick, quindi ho chiuso. Lei vede che non abbocco all’esca e cambia argomento, chiedendo cosa ne pensa Rick del fatto che io non sarò mai in grado di dargli un figlio…

Le risponde che ho intenzione di avere una casa piena di bambini con Rick e che forse era suo figlio a non essere abbastanza uomo per quel compito. Suppongo che avrei potuto ricordare il fatto che suo marito c’era riuscito, ma giocare la carta di Roger è una punizione troppo crudele persino per Alex (anche se è la carta migliore quando si vuole vincere).

Alex sorride compiaciuta, ma non ribatte. Il che è la cosa più vicina alla sua ammissione di essere stata colpita. Improvvisamente lei ricorda di avere un appuntamento urgente. Prometto di riferire a Lizzie i suoi saluti e le auguro un buon viaggio… di sola andata!.

29 Ottobre 2009

Alex se n’è andata e Alana ha ripreso a dormire (la pro-prozia sfinisce chiunque!), così posso dedicarmi di nuovo a rispondere ai miei messaggi su Twitter.

Ma cosa leggo!!! Qualcuno di voi pensa che Alex dovrebbe tornare a Springfield per convincere Phillip a cambiare idea sulla decisione di dare via la fortuna degli Spaulding??? Per favore non proponetelo nemmeno!!!! Alex a Springfield!?!?! Non merito un minimo di luna di miele???

A chi non ricordava che avevo cambiato i risultati del test del DNA di Nick… ebbene si, sono desolata di ammettere che ero entrata nei laboratori dei Cedri e avevo modificato i risultati. Non è stata la mia migliore azione …

Qualcuno mi ha chiesto se Harley ha intenzione di far tornare stabilmente i bambini dalla Grecia. Da quello che so, Harley non ha nessuna intenzione di tornare a vivere a Springfield, né di far tornare i bambini stabilmente. Dice che ci sono troppi ricordi qui e quelli brutti sono più dei buoni.

Bill mi chiama. Sta cercando di mettersi in contatto con Lizzie al cellulare da un’ora, ma lei non risponde. Per caso so dove si trova? Uhm… Presto, ho bisogno di una bugia che non sia troppo lontana dalla verità!!!

Dico a Bill che Lizzie ha portato Alana a casa di Jonathan per far visita a Sarah e aiutare le due sorelle a legare. Immagino che se sta con Alana, a lui non importerà molto. E ho ragione! A Bill non importa, anzi è contento! Dice poi che sta tornando a casa, così passerà a prendere entrambe a casa di Jonathan. Oh-oh.

Riappendo e chiamo Lizzie, ma lei non risponde. Non è una buona cosa… Che devo fare? Sveglio Alana e la vesto. Deliziosa!!!!!! La paura non è una scusa per commettere errori di moda! Quindi la metto nel suo seggiolino per auto e corro a casa di Jonathan.

Per chi si preoccupa se io stia usando Twitter mentre guido, tranquilli! Sono ferma al semaforo. Tutto sicuro. C’è un bambino a bordo!


30 Ottobre 2009

Non so se Aubrey vive con Jonathan o se sta a casa sua solo perché si occupa di Sarah mentre lui è via, ma è lì che è andata Lizzie, quindi è lì che io ed Alana ci stiamo dirigendo. Mi aspetto di trovare una lite in atto, con cappelli tirati, insulti e scenate. Noi chiamiamo questo “parlare” a Springfield.

Quello che trovo è…  un tè. Mindy, Aubrey e Sarah, tutte con una tiara in testa, sono sedute ad un tavolino per bambini, giallo, prendendo il tè con i biscotti. Niente urla, niente capelli tirati, nessun dramma! A dire il vero non c’è nemmeno il tè, ma posso sopravvivere. Lizzie sorride beata. E’ un po’ inquietante…

Il sorriso si affievolisce un po’ quando la prendo da parte per spiegare cosa sta per succedere. Appena in tempo! C’è Bill che suona alla porta.

Bill è sorpreso di vedermi. Gli dico che Lizzie mi aveva invitato al suo “Giorno fuori con le ragazze”. Bill è chiaramente sollevato di vedere sia Sarah che Alana con Lizzie. E anche per il fatto che sono tutti calmi e sembrano divertirsi. Aubrey lo invita ad unirsi al loro tè e Sarah gli mette in testa una tiara. L’espressione del suo volto…oh cielo!!! Non posso pensare a niente di più divertente di mio fratello circondato da donne piene di volant e di rosa! Bill è sportivo e sta al gioco. Aubrey e Sarah non fanno la spia. Lizzie dà uguale attenzione ad entrambe le figlie. Disastro scongiurato!

Ops! Ho parlato troppo presto… Finito il tè, è ora di andare. Lizzie prende la mano di Sarah e le dice che è ora di andare a casa. Sarah si tira indietro e si nasconde dietro Aubrey. Lizzie le ricorda che l’aveva informata che avrebbe abitato con lei e Bill mentre papà è via, ma Sarah inizia a piangere e dice che non vuole.

Lizzie fissa Aubrey e le suggerisce di dire alla bambina di andare con lei, ma la ragazza, dopo aver guardato Sarah piangente, silenziosamente scuote la testa per dire no. Lizzie guarda Bill per ricevere aiuto, ma lui concorda con Aubrey e propone che vadano a casa: forse il giorno dopo Sarah si sentirà di andarle a far visita.

Lizzie esplode che è SUA figlia e che le visite si fanno ai parenti lontani! Sarah le appartiene! Aubrey sussurra con disapprovazione che Lizzie sta turbando Sarah. Lizzie incolpa Aubrey per tutto. Bill cerca di calmarla, ma Lizzie si gira e accusa pure a lui! Quindi afferra il braccio di Sarah e la tira. La bambina si stringe di più a Aubrey e strilla, tanto che Bill deve tirare indietro Lizzie. Lei si stacca violentemente da lui, gli dà un’occhiataccia ed esce infuriata.

Sentiamo la sgommata della sua auto. Spero di essere la sola ad aver notato che non ha degnato Alana, nel suo seggiolino, di un’occhiata. Guardo Bill. Il mio cuore si spezza… Non sono stata l’unica ad averlo notato… Oh, Dio. E ora?

2 commenti

2 pensieri su “Il diario di Mindy – Settimana 6

  1. bellooooo…..soprattutto i ricordi del passato….

  2. Daniela

    SENTIERI CONTINUA NEL CUORE… MI PIACE LEGGERE E IMMAGINARE LE SCENE.
    CHE BELLO!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: