Guiding Light The Series – S02E06 – Fantasmi dal passato – Ghosts from the past

REVA è felicissima di riabbracciare ABIGAIL. Quest’ultima è tornata a Springfield per un saluto ai vecchi amici, e non poteva non passare dalla sua adorata Reva. Se la sua vita è quella di adesso, lo deve a lei e ad Alan che da Goshen l’hanno portata a Springfield. Le due amiche si siedono sul divanetto del soggiorno e, sorseggiando una tisana, si aggiornano sulle ultime novità. Abigail ha lavorato in una comunità terapeutica riabilitativa, per il reinserimento nella società di persone con problemi psichiatrici. Reva confessa di aver pensato ultimamente al periodo trascorso a Goshen, ed è grata alla famiglia Blume per averla accolta tra di loro. Abigail racconta che proprio di recente si è recata al suo villaggio per passare un po’ di tempo con sua madre Charlotte, la quale ha approfittato della sua visita per consegnarle alcune cose che aveva casualmente trovato durante alcuni lavoretti di restauro della loro umile casa. Si tratta di alcuni oggetti che Reva aveva con sé quando il padre di Abigail, Max Blume, la portò da loro. Abby apre la sua borsa, e consegna a Reva una scatola di legno contenente, tra le altre cose, un fazzoletto con il nome Rebecca ricamato, e una fotografia di Reva insieme a una bambina di circa cinque anni. Reva non ricorda chi sia la bimba accanto a lei, ma nota subito il cappellino indossato dalla piccola: è un cappellino di paglia, ricamato con il pizzo, ornato con un fiocco, una rosa e dei lillà, che è molto simile a quello che indossava la piccola Marah al primo matrimonio di Josh e Reva, ma affine anche a quello che indossava la stessa Reva. La foto è un po’ rovinata. Per un attimo, Reva teme che si tratti di un’altra figlia della quale non ricorda l’esistenza, ma subito dopo si rende conto che non avrebbe potuto avere una bambina di quell’età in quel momento della sua vita. Intanto si è fatto molto tardi, e Reva invita la sua amica a dormire da lei. Abby accetta.

Albeggia su Springfield. Nel bagno di una camera della pensione, JANE sta facendo una doccia, dopo aver passato la notte con SHAYNE. Quest’ultimo è ancora a letto, coperto dalle lenzuola, e sta cominciando a realizzare di avere combinato un bel guaio. Ieri sera ha bevuto qualche bicchiere, ma non così tanti da non rendersi conto di ciò che stava accadendo. Eppure, in quel momento, ha pensato che fosse la cosa più giusta. Non è riuscito a fermarsi. Jane è stata così comprensiva con lui, era così bella e la sua pelle così profumata e morbida. Fare sesso con Jane è stato bellissimo, ma lui è innamorato di Marina e non può permettere che quest’errore distrugga la sua famiglia. Jane esce dal bagno avvolta da un accappatoio. Shayne si alza dal letto coprendosi dalla vita in giù con il lenzuolo. Nota una macchia della pelle sul ginocchio di Jane: “Mio fratello Dylan ha una voglia nello stesso punto”. Jane si accorge che Shayne non sa cos’altro dire e che è in imbarazzo, e si mette a ridere, ricordandogli che fino a pochi minuti prima non si era vergognato di farsi vedere completamente nudo. Shayne non vuole essere scortese e si assume la responsabilità di ciò che è successo, ma cerca di spiegare alla bella psichiatra che si è trattato di un errore. È stato bellissimo, non lo nega, ma anche un grosso sbaglio. Jane cerca di tranquillizzare Shayne, rassicurandolo che non accadrà più e che si comporteranno come se non fosse mai successo. La donna si riveste, gli dà un bacio sulla guancia, e con discrezione esce dalla stanza senza farsi vedere da nessuno.

A Villa Spaulding, AMANDA si è svegliata da poco. Con indosso la sua vestaglia di seta azzurra, raggiunge HILDA chiedendole di prepararle un caffè molto forte. Ha dormito malissimo, e ne ha bisogno per affrontare al meglio la giornata. Nell’attesa del caffè, Amanda scende di sotto e si affaccia alla finestra guardando il meraviglioso giardino di Villa Spaulding illuminato dal sole, quando viene colta alle spalle da un abbraccio di suo figlio WESLEY che le dà un dolce buongiorno. Wes è ciò che di più prezioso abbia Amanda, e lei farebbe di tutto per vederlo felice. Spera che possa mettere presto la testa a posto trovando una bella ragazza adatta a lui, e notando alcuni suoi disegni sul tavolo, gli chiede se la bella ragazza ritratta sia una persona reale che gli ha rubato il cuore. Wes cerca di cambiare argomento, ma sua madre riprende il discorso parlandogli della giovane Maureen. Si è accorta di come si guardano quando sono nella stessa stanza, e Maureen sembra sempre in estasi quando è con lui, cosa che non succedeva con James. La donna suggerisce al figlio di approfondire quest’amicizia e d’invitare qualche volta la ragazza a passare un po’ di tempo insieme, anche perché, con la sua esperienza, Maureen potrebbe essere un’ottima compagna anche nell’ambito lavorativo.

In un’altra ala di Villa Spaulding, una VANESSA molto compiaciuta sta leggendo lo Springfield Journal. Il titolo della notizia in prima pagina recita “Il matrimonio dell’anno”, seguito da una foto di Maureen abbracciata a Wesley. La moglie dell’ambasciatore Hickman si avvicina per complimentarsi con Vanessa, che non capisce perché la donna la stia chiamando “mamma”. “Mamma? Che ti prende?”. Vanessa esce dal mondo della fantasia e, ritornando alla realtà, vede sua figlia accanto a lei. MAUREEN si diverte a prenderla in giro: ultimamente è molto pensierosa, ma stavolta sembrava che stesse pensando a qualcosa di bello. Senza rivelare cosa stava immaginando, Vanessa suggerisce alla ragazza di frequentare il figlio di Amanda, elencando una serie di motivi: è bello, intelligente, è pieno di soldi, ed è sicuramente interessato a lei. La donna fa notare alla figlia che Wes è sempre presente quando c’è lei, e non smette mai di guardarla. Maureen è imbarazzata e cerca di cambiare discorso, ma Vanessa insiste e le dice che è tempo di ricominciare a pensare alla sua vita sentimentale. Dopotutto James ormai è partito da mesi, e lei deve considerarlo un capitolo chiuso.

Nel mausoleo degli Spaulding, Abigail lascia un commosso saluto allo scrigno che conteneva le ceneri di Alan Spaulding. “Conosceva mio padre?”. Quando Abby si volta, vede una ragazza dal look aggressivo e dai capelli rasati. Si tratta di PEYTON, che si presenta alla sconosciuta. Abby nota il turbamento della ragazza, che ammette di aver scoperto da poco di essere figlia di Alan. I suoi genitori le hanno sempre mentito. Abby si dice certa che Phillip e Beth lo abbiano fatto a fin di bene, ma se Peyton lo desidera, lei stessa potrà raccontarle qualcosa di Alan. Istintivamente Peyton si fida della dolce signora, che comincia la sua narrazione parlando di un uomo affascinante che aveva deciso di lasciare il mondo degli affari e i conflitti familiari, ed era giunto a bordo della sua auto in una strada di campagna. Davanti a lui c’era un carretto guidato da una donna. L’impaziente Alan cercava di superare il carretto che andava troppo lento. Alla fine riuscì a superarlo ma la sua auto si fermò per un guasto. I cavalli però si erano innervositi e travolsero l’uomo, che fu soccorso dalla donna alla guida del carro, e portato in un villaggio Amish. I minuti passano, ed Abby prosegue il suo lungo racconto. Spiega a Peyton che Alan fu sempre gentile con lei: quando Abby lasciò Goshen, lui si premurò di mandarla a studiare in una scuola per ragazzi sordomuti a New York. Ha fatto davvero molto per lei. Peyton mostra ad Abby una lettera che ha trovato ieri: è stata scritta da Alan ed è indirizzata a lei, ma non ha il coraggio di aprirla. Prima di andarsene, Abby le suggerisce di leggerla, non appena si sentirà pronta per farlo.

A Willow Hills CAROLYN (che prima conoscevamo come Carrie) sta meglio. Grazie alla terapia di Jane e Sara, i momenti di confusione e l’alternanza delle personalità non si verificano più, e Carolyn riesce a rimanere lucida per molto tempo. La donna viene dichiarata “fusa”, cioè guarita dalla malattia di disordine mentale.

A casa Bauer, MICHELLE apre la porta della cucina e si trova davanti Abigail. Le due donne si abbracciano, e Michelle invita Abby a entrare facendola accomodare. Le due amiche si lasciano andare ai ricordi del passato, come quella volta in cui un ragazzo aveva preso in giro Abby per il suo modo di parlare, e J Chamberlain era intervenuto per difenderla. Michelle, che aveva una cotta per il cugino, c’era rimasta male perché il ragazzo sembrava più interessato ad Abigail che a lei. Le risate vengono interrotte dall’arrivo di RICK che è sorpreso di vedere la sua ex moglie nella stanza dove l’ultima volta le ha detto addio, ma è anche contento. Dopo un momento d’imbarazzo iniziale, i due si abbracciano come vecchi amici. Rick presenta MINDY alla sua ex-moglie, e le due donne, supportate da Michelle, cominciano a parlare in maniera scherzosa dei difetti di Rick. Abby è felice che Rick abbia avuto tre figli, lo desiderava tanto. Lui racconta che Jude si laureerà quest’anno, Leah adesso è a New York a studiare legge, il più piccolo è Thomas. Abby conosce THOMAS. Poi chiede a Michelle di Danny, scoprendo con dispiacere che il loro matrimonio è arrivato al capolinea.

Peyton entra nello studio di Villa Spaulding, sa che non dovrebbe ma si versa uno scotch, e si sdraia sul divano per leggere la lettera di suo padre. Forse per via dello scotch, forse per la notte insonne, la ragazza cade in un sonno profondo, e sogna ALAN. Peyton non ha molti ricordi di lui, quando Alan è morto lei non aveva nemmeno due anni, ma rammenta il timbro della sua voce. Nel sogno, lo vede senza capelli. Alan commenta che quelli di Peyton sono troppo corti, che cosa ha fatto alla sua lunga chioma bionda? Non li aveva così corti neppure quando era appena nata, sull’isola di San Gabriel. Alan e Peyton scherzano sul primo nome che fu dato alla ragazza, Bernadette Bauer. Alan commenta che è un nome poco consono per la figlia del diabolico Alan Spaulding. Padre e figlia ridono insieme alla battuta, concordando sul fatto che Peyton Alexandra Spaulding sia certamente un nome più indicato. Peyton sa che tutto questo è un sogno, ma è felicissima di poter “vedere” suo padre, e non vuole svegliarsi. Alan la esorta a essere coraggiosa e determinata, perché lei è una Spaulding, e la invita a perdonare Phillip e Beth che hanno fatto del loro meglio con lei, allevandola in una famiglia forse troppo permissiva ma piena d’amore.

Wes si presenta a Villa Wexler, portando alcuni suoi schizzi. INDIA non si aspettava visite, e si spaccia per una collaboratrice di Carter Bowden e un’esperta d’arte. A Wesley la villa mette un po’ i brividi. India si fa dare il contatto del ragazzo, e lo manda via. Rimasta da sola, la donna guarda gli schizzi di Wes, e ricollega il tratto e le pennellate dell’artista a dei quadri che ha già visto in passato. La villa è piena di quadri, e ce ne sono molti perfino in cantina. India si guarda in giro, cercando il giusto collegamento. Non si accorge che al terzo piano, in effetti, c’è un ritratto realizzato in uno stile molto simile a quello di Wesley…

JASON, Maureen e Wesley sono al Company insieme. Wes racconta di essere appena stato a Villa Wexler e di aver incontrato una donna molto strana. Anche ROSS si trova al Company ma ricordava il ristorante con un arredamento diverso. È dispiaciuto soprattutto che non ci siano più le locandine di vecchi film appese alle pareti. MATT si avvicina a Ross, il quale sta fissando suo figlio Jason in compagnia dei suoi amici. Ross ha già conosciuto Matt a Villa Spaulding durante alcune occasioni, tra cui la cena organizzata da Amanda, ma non ha avuto modo di scambiare molte parole con lui. Matt gli ricorda di essere il nipote di Bea Reardon. Ross fa i complimenti a Matt per la sua splendida figlia, e ammette di essere contento che Jason stia legando molto con lei. Matt nota che i due ragazzi non si tolgono gli occhi di dosso. Ross non conosce bene suo figlio, ma crede che si sia preso una cotta.  

Abigail raggiunge la fattoria Jessup per salutare BLAKE, e conosce CLARISSA, finalmente di presenza. Le due si seguono reciprocamente sui social, ed Abby invita la ragazza ad aprire una pagina sul coraggio delle donne. Abby è venuta anche per darle conforto, e per raccontarle la sua esperienza personale, quando Roy Meecham fu giudicato non colpevole dopo aver tentato di violentarla. Abby incoraggia Clarissa, e la esorta ad andare fino in fondo ma anche a mantenere il più possibile la lucidità, senza lasciarsi prendere dal panico e compiere gesti di cui potrebbe pentirsi. In base alla sua esperienza personale, le assicura che basta un attimo per perdere il controllo. Mentre pronuncia queste parole, Abby rivive il momento in cui sparò a Roy in tribunale.

BILLY adora suo nipote Thomas, ed è felice che nell’ultimo periodo il ragazzo sia uscito dal suo guscio e abbia instaurato un rapporto con i suoi genitori e con i suoi coetanei. Anche Thomas si trova bene con il nonno, e gli fa piacere passare un po’ di tempo con lui. I due sono a bordo del furgoncino della Lewis Costruzioni, e stanno andando verso il Company.

RYAN è ai Cedri per una seduta di chemioterapia. Questa volta verrà inoculato anche il farmaco sperimentale proposto da Kelly. FIONA è insieme al figlio, e prova a sollevargli il morale. Ryan è terrorizzato, ma cerca di farsi forza perché, a sua volta, non vuole dare altre preoccupazioni a sua madre. KELLY ha uno sguardo molto rassicurante e incoraggia il suo giovane paziente.

BILL esce dal Company come una furia, mentre Michelle lo rincorre. Il sindaco è rosso in faccia e non vuole dare retta alla sua amica che gli grida di non fare il bambino e di fermarsi a parlare. Bill si ferma e, dandole le spalle, si sfoga dicendole di essere stanco del suo atteggiamento nei suoi confronti. Poi si volta e la rimprovera di non ricambiare i suoi sentimenti, ma lei replica di fare fatica a essergli amica perché lui ultimamente la respinge e si comporta in modo strano. Inizialmente Bill resta in silenzio, poi pronuncia una frase di cui non fa in tempo a pentirsi: “È meglio se non ci vediamo per un po’”. A bordo del furgoncino della Lewis, Billy vede Michelle andarsene dal Company e attraversare distrattamente la strada in direzione dei Cedri con un’espressione sconvolta sul viso. L’uomo si preoccupa, e si chiede che cosa stia succedendo tra suo figlio e la Bauer.

HANNAH bussa a Villa Wexler perché è convinta che ci viva l’ex-suocero Carter Bowden, e vuole incontrarlo. Stavolta India, che comincia a essere piuttosto scocciata delle continue visite inaspettate, si spaccia per la governante e finge goffamente di fare le pulizie. RUDY vede Hannah poco convinta della messinscena, e corre in aiuto di India, riuscendo a mandare via l’intrusa. Scortando Hannah al cancello, le dice che il signor Bowden ha espressamente richiesto di non essere mai disturbato. Mentre osserva la macchina di Hannah allontanarsi, a Rudy torna in mente un ricordo, in cui lui urla: “Smettila di chiamarmi Fiona, non voglio essere disturbato, vuoi capirlo o no?”. Al telefono, una giovane Fiona risponde: “Sono incinta, Rudy. Aspetto un figlio…”.   

Mentre Jane fa una terapia di supporto psicologico con Ryan e Fiona, Kelly sta esaminando le ultime analisi del sangue del suo giovane paziente, e si rende conto che Ryan mostra una straordinaria risposta all’associazione della chemioterapia con il nuovo farmaco sperimentale, e che la maggior parte delle cellule leucemiche sono state eliminate. La terapia più efficace per la leucemia di Ryan è il trapianto di midollo osseo. Passando dall’ufficio di Jane, Kelly sente la voce di Ryan, e chiede alla dottoressa di uscire perché deve parlarle. Seppure capisca l’importanza del supporto psicologico, Kelly immagina che il ragazzo sia stanco a causa del ciclo appena fatto, e sarebbe il caso se per oggi terminassero la seduta. Jane s’infastidisce per l’insolenza del medico e lo esorta aspramente a non interferire più nel suo lavoro. Kelly non si lascia intimorire dalla giovane dottoressa e ribadisce che è giunto il momento di mandare Ryan a casa a riposare.

Reva è turbata dagli ultimi avvenimenti. Quegli oggetti ritrovati dalla madre di Abigail, e soprattutto quegli strani flash di una vita passata, non l’hanno fatta dormire tutta la notte. Deve trovare delle risposte e può averle solo da Tim Werner. Per questa ragione si reca ai Cedri, dove incontra Rick. I due inizialmente parlano di Abby, che ha fatto una capatina in città, poi Reva gli chiede se Tim Werner sia ancora a Springfield. Rick dice che è tornato in Oregon con sua madre Sara. Il dottore si è accorto dell’atteggiamento un po’ strano di Reva, soprattutto nel chiedere notizie di Tim, ma preferisce far finta di niente e saluta l’amica come se nulla fosse.

Nei corridoi del tribunale di Springfield, Ross si guarda intorno disorientato. Blake esce dall’ascensore e, notando la perplessità di Ross, prova ad aiutarlo riferendogli che lui era il miglior avvocato della città. Ross ammette di percepire qualcosa di familiare tra queste mura, ma nulla di più. Blake chiede se sia la stessa sensazione che prova quando guarda lei: “qualcosa di familiare, ma nulla di più”. Ross è mortificato, e invita Blake a sedersi con lui su una panca. Le spiega di aver ricordato molti dei loro momenti insieme, momenti di passione, di gioia, di dolore, ma sono come tanti frammenti sparsi, come scene di un film visto molti anni fa. Ross teme di aver illuso Blake abbracciandola ai Cedri. Blake si asciuga una lacrima di nascosto, scegliendo di non mostrare le sue fragilità, e di fingersi distaccata. Oggi devono rimanere concentrati su Clarissa.

JOEY si presenta all’udienza preliminare, accompagnato dal suo avvocato VINCE RUSSO. L’udienza stabilirà se il crimine di cui Joey è accusato sussiste e se ci sono prove o argomentazioni sufficienti per portare l’imputato davanti a una giuria. KEVIN è presente nelle vesti di avvocato di Clarissa. Oltre a Blake e Ross, sono arrivati Jason e FRANK.

Grazie al suo avvocato, e all’aiuto inconsapevole che hanno fornito Shayne e Hannah, Joey se la cava. Dalla visita ginecologica di Clarissa, non è emerso alcun elemento che possa far pensare a uno stupro. Inoltre molte persone, tra cui Shayne, hanno visto Joey alla festa dei Cedri quella sera. Come se non bastasse, Vince Russo dimostra che Clarissa ha fatto uso di antidolorifici dopo il lungo ricovero, il che potrebbe giustificare lo stato confusionale. L’avvocato punta soprattutto sui “precedenti” di Clarissa, che si è rivelata molesta nei confronti di Shayne e Marina in passato, e in quelli di Joey e Hannah recentemente. Paradossalmente, Clarissa passa per una poco di buono e una bugiarda, e Joey per la povera vittima. Vince Russo ipotizza che Clarissa, inventando una violenza sessuale, sperava di vendicarsi di un rifiuto da parte di Joey. Il giudice annulla l’accusa contro il sospettato, e Joey viene rilasciato. I Marler sono increduli e protestano inutilmente. Arriva MARINA, che crede a Clarissa, e la difende a spada tratta. Frank apprende che Marina e Shayne hanno litigato per questo motivo.

Intanto, LALITA è soddisfatta che Hannah abbia lasciato Joey, che adesso vive da solo in una camera del Beacon. Capiamo quanto Lalita sia ossessionata dalla sorella quando inizia a parlare con se stessa recitando anche la parte di Hannah. Il “loro” dialogo è incentrato soprattutto su Joey e su quanto sia insulso quel ragazzo. Pieno di muscoli ma con il cervello piccolo… “E non solo quello”, risponde la finta Hannah nel dialogo immaginato da Lalita. Poi arriva il momento di affrontare realmente la discussione, e Lalita chiama sua sorella proponendole di nuovo di lasciare Springfield. Hannah non intende andarsene, ma Lalita la supplica, dicendole che è troppo pericoloso restare in questa città. Lo dice per il suo bene. Cercando una spiegazione plausibile a queste affermazioni, Lalita mente dicendo di aver sentito parlare Phillip e Beth di traffici illeciti di opere d’arte, e non vuole che la sorella si metta nei guai per colpa loro.

Thomas è arrivato ai Cedri per pranzare con suo padre. Nella sala d’attesa, vede Ryan e decide di affrontarlo. Ryan è molto stanco per il ciclo di chemioterapia appena fatto, e chiede all’amico di rimandare la chiacchierata, ma Thomas lo spinge dicendogli di avere visto quello che c’è stato tra lui e Peyton. Nonostante la stanchezza, Ryan reagisce, e i due ragazzi fanno a botte. Stavolta anche Ryan le prende da Thomas, anche perché Thomas adesso è più forte, mentre Ryan è molto indebolito dalla terapia. Peyton interviene per fermarli, ma Ryan sviene, accasciandosi per terra.

Dopo la discussione con Lalita, Hannah si reca al Farley’s Bar per distrarsi un po’ giocando a biliardo da sola. Seduto al bancone, c’è Bill che ha deciso di bere qualcosa dopo aver litigato con Michelle. Mentre ordina, l’uomo rimane affascinato dalla bella bionda che non sta sbagliando una buca, e si avvicina a lei sfidandola a biliardo. Hannah ama le sfide e accetta di giocare con Bill: chi perde, offre da bere!

Ai Cedri, Michelle incontra Kevin. Il ragazzo si è fatto male a una mano, prendendo a pugni un muro dopo che Joey è stato rilasciato. L’ha visto tornare al Beacon allegro e spensierato come se nulla fosse. Kevin è tremendamente deluso da se stesso, per non essere riuscito a difendere Clarissa, e perché Joey l’ha fatta franca. Michelle gli medica la mano, e ascolta lo sfogo del suo impetuoso amico. Kevin nota che Michelle è meno sorridente del solito, e lei gli racconta del litigio con Bill. Kevin comprende le ragioni della donna e le dice che Bill è un idiota se la perde come amica.

Jason ha proposto a Maureen di andare al cinema. Per tutto il tempo del film, il ragazzo ha pensato ad altro, e Maureen se n’è accorta. Uscendo dalla sala, i due notano che sta cominciando a piovere e corrono verso la macchina. Durante il tragitto in macchina per tornare verso casa, Jason si sfoga con Maureen per la storia di Clarissa. Lui si sente impotente, e non sa cosa fare per aiutarla. Se potesse, andrebbe al Beacon a picchiare Joey, ma è un uomo di legge e deve rispettare le regole. È molto combattuto, e chiede consiglio alla ragazza. Maureen prova a consolarlo, e gli racconta che anche lei si era sentita impotente quando James aveva avuto i suoi problemi con l’alcol. Intanto l’intensità della pioggia è aumentata, e Jason fa fatica a vedere la strada. A causa della scarsa visibilità, Jason sbaglia strada, ritrovandosi in una zona solitaria. Mentre il ragazzo cerca di tornare indietro, una macchina non rispetta uno stop, e colpisce in pieno l’auto di Jason, che fa un testacoda finendo per sbattere contro un palo della luce. Il pirata della strada fugge, mentre il temporale si abbatte con tutta la sua violenza.

Thomas vede Ryan a terra, e teme di averlo ucciso con i pugni che gli ha dato. Ryan viene soccorso da Rick davanti agli occhi terrorizzati di Thomas e Peyton. Thomas segue suo padre e gli altri medici, e sente Rick fare riferimento alla chemioterapia appena fatta da Ryan. Rendendosi conto che il suo amico è malato, Thomas rimane sconvolto. Il giovane comincia a fare mille domande al padre sullo stato di salute di Ryan, e chiede di sottoporsi al test di compatibilità. Rick non vuole, ma Thomas insiste, perché crede che Ryan sia svenuto per colpa sua e non vuole perdere il suo migliore amico. Rick farebbe lo stesso per Phillip dopotutto.

A causa del temporale, la strada è deserta, e non c’è nessuno che possa chiamare i soccorsi per Jason e Maureen. Quest’ultima riprende conoscenza e vede che Jason è bloccato in auto ed è privo di sensi. Il segnale è scarso, e Maureen non può chiedere aiuto. Nonostante sia impietrita per la paura, la ragazza si fa forza ed esce dall’auto per cercare un punto in cui ci sia campo. Nessuno sente le sue urla. Maureen si allontana fino a quando non compare una tacca. La ragazza telefona a sua madre, la quale ha lasciato il cellulare in sala riunioni. Casualmente Wes sente il telefono di Vanessa squillare e vedendo che si tratta di Maureen, risponde. Quando il giovane scopre cosa è accaduto, esce in fretta dagli uffici delle Industrie Spaulding per andare a soccorrere i suoi amici.

La partita di biliardo al Farley’s Bar è durata a lungo, ma alla fine Hannah ha avuto la meglio. Bill è costretto a offrirle da bere. L’uomo sta passando una bella serata, e per la prima volta dopo tanto tempo non ha pensato a Michelle per più di due ore consecutive. Anche Hannah è molto rilassata. Finalmente ha trascorso del tempo con un uomo intelligente e simpatico che non pensa solo ai muscoli come faceva Joey. Vista la pioggia, Bill le offre un passaggio a casa, ma tra una risata e un’altra, i due si ritrovano poco dopo completamente bagnati e nudi sul letto di Hannah…

Sulla terrazza al coperto delle Torri, Reva osserva la pioggia e si confida con Billy, che intanto è preoccupato per Bill, ma non vuole dire a Vanessa del litigio cui ha assistito, tra il figlio e Michelle Bauer. Reva mostra all’amico la fotografia che le ha portato Abby, e Billy spera che la bambina nell’immagine non sia un’altra figlia spuntata fuori dal nulla. L’uomo è seriamente preoccupato che la piccola possa essere una figlia di Reva: “Oh mio Dio Reva, non dirmi che hai un’altra figlia…”. Reva lo incenerisce con lo sguardo, ed entrambi scoppiano a ridere, per poi tornare seri e domandarsi di chi si tratti.

Jane parla con Thomas per farlo riflettere sui rischi del donare il midollo, nel caso in cui fosse compatibile. Kelly obietta che i rischi sono minimi, ed è lui adesso a chiedere a Jane di non interferire. Jane confessa a Rick e a Mindy di tenere molto a Thomas, sin da quando l’hanno portato da lei la prima volta, perché anche lei come il ragazzo ha perso la madre da piccola, le è stata portata via. La vita di sua madre è finita perché si è innamorata dell’uomo sbagliato… Rick chiede se la madre di Jane fosse di Springfield, magari l’ha conosciuta. Jane risponde di no, ma poi rimasta da sola dice: “La conosci molto bene…”.

Wes arriva sul luogo dell’incidente, grazie alla posizione inviata da Maureen. Wes vede da lontano la ragazza, che ha una piccola ferita sulla fronte, ma sembra che stia bene.

Amanda e Matt sono sul divano. Lei ha la testa appoggiata sulla spalla dell’uomo, che cerca di scattare un selfie. Cercando la posa giusta, Matt domanda alla sua compagna cosa significhi quel sorrisino malizioso sulle sue labbra. Amanda non se lo lascia ripetere due volte, e confessa di trovare Maureen e Wes adorabili insieme.

Maureen vede Wes davanti a lei, e si avvicina zoppicando. Sembra che Wes stia correndo da lei, invece il ragazzo si è accorto che Jason è riuscito a uscire dall’auto, malconcio. Wes corre verso l’auto e raggiunge Jason. Lo guarda negli occhi per un paio di secondi… e lo bacia appassionatamente sotto la pioggia e lo sguardo di una stupita Maureen. Jason per un attimo è stordito e si stacca dal bacio, ma poi ci ripensa e ricambia con maggior coinvolgimento.

Dopo avere passato tutta la serata in un bar, stanca di aspettare la fine della pioggia, Lalita ha chiamato un taxi e si è fatta accompagnare all’indirizzo dell’appartamento di Hannah, da dove vede uscire Bill, in piena notte. Lo sguardo di Lalita ha un’espressione che non promette nulla di buono.

Tornata a casa, Reva continua a guardare la fotografia, e ha un flashback riguardante il cappellino della bambina. L’ha visto per la prima volta nella vetrina di un negozietto, e ne è stata subito attratta. L’ha comprato. Ricorda anche di averlo regalato alla bambina. Intanto qualcuno, fuori dalla finestra, osserva Reva che ripone la foto in un cassetto.

Jane torna a Willow Hills, davanti alla stanza 14. Stavolta la porta è aperta, ma la stanza è vuota. Jane chiede a un’infermiera della paziente che era ricoverata lì, e scopre che Annie Dutton è stata trasferita…

Kelly ha i risultati del test di Thomas. Con un’espressione serissima, il medico comunica a Rick, Mindy e Fiona che i due ragazzi non soltanto sono compatibili… loro sono fratelli!

FINE DEL SESTO EPISODIO

Creato da
MARCELLO MARINO
SALVO VASSALLO

Scritto da
SALVO VASSALLO
MARCELLO MARINO

We do not own Guiding Light or any of the related characters. The Guiding Light soap opera is created by Irna Phillips and owned by Procter & Gamble. All rights of Guiding LIght belong to Procter & Gamble. This story is a work of fanfiction and is meant for entertainment only. We are not making profit from this story.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...