Guiding Light The Series – S01E07 – La Chiave di volta – The Keystone

NEGLI EPISODI PRECEDENTI (Guarda il video)

Nell’aula del tribunale, la giuria legge il verdetto. FIONA CORRINGTON viene giudicata NON COLPEVOLE per tutti i capi d’imputazione. La giudice MARGARET ELLIS ordina la scarcerazione della donna. L’annuncio della piena assoluzione fa festeggiare Fiona e il suo avvocato difensore KEVIN MARLER, mentre MEL BOUDREAU deve incassare la sconfitta processuale. Tutti gli altri presenti in aula, convinti della colpevolezza della Corrington, sono indignati. Tra di loro ci sono i Bauer, i Marler e i Cooper. LILLIAN si augurava che fosse fatta giustizia per la sua adorata Sophia. RICK e Kevin si lanciano sguardi colmi di odio, mentre l’avvocato esulta per la vittoria, rilasciando un’intervista a HOLLY per la WSPR.

Uscita dal tribunale da donna libera, Fiona riabbraccia suo figlio RYAN, ma guardandogli le mani, si rende conto che c’è sopra del sangue, e si allontana insieme a lui dall’occhio indiscreto delle telecamere e dei giornalisti, inoltrandosi nel giardino del tribunale. Spaventata, gli chiede che cosa abbia combinato. Poi sente dei lamenti provenire da dietro una siepe dove trova per terra THOMAS, che è stato violentemente picchiato da Ryan. Fiona lo riconosce come il figlio di Rick Bauer, e sbottando chiede a Ryan se sia impazzito e come abbia potuto farlo. Gli ricorda della condanna ai lavori socialmente utili che sta già scontando. Potrebbe finire in un carcere minorile. Fiona costringe il figlio ad aiutare Thomas a rialzarsi e a caricarlo nella loro auto. Colta dal panico, la donna decide di portare il ragazzo Bauer a casa sua, ma impedisce a Ryan di salire a bordo. Stenta a riconoscere suo figlio, e teme che sia diventato violento come suo padre.

VANESSA bussa a casa di Holly, ma è MEG ad aprirle la porta. La ragazza riferisce alla signora Chamberlain che la madre non è in casa, ma Vanessa è venuta proprio per vedere Meg. Ha ritrovato un libro di filastrocche di quando era piccola, e le fa piacere regalarglielo. Meg, felicissima, ringrazia per il dono inatteso.

Intanto Holly incontra AMANDA al Country Club, e siede ad un tavolo con lei. Le due donne discutono del processo appena concluso e di quanto Kevin assomigli a Roger. Inevitabilmente la conversazione si sposta sull’amato e odiato compagno di vita che le due donne hanno condiviso. Tuttavia, Amanda è molto reticente a parlare di Roger, sembra che non voglia dire tutto, nonostante la curiosità di Holly sugli ultimi anni vissuti dall’ex-marito. Ad ogni modo, concordano sul fatto che Kevin assomigli davvero al nonno, al contrario di quell’impostore e mitomane di Sebastian Hulce, che si era fatto passare per figlio di Roger, arrivando perfino a farsi una parrucca con i capelli che l’uomo, ormai malato, aveva spedito ad un’associazione benefica. Holly e Amanda sono costrette ad ammettere che anche Roger aveva una sua umanità, un lato buono. Holly è certa che lo abbia anche Kevin, lei conosce bene il nipote, ma sa che l’orgoglio gli impedirà di mettere da parte il suo rancore per quelli che lui, ancora adesso dopo tanti anni, ritiene i responsabili della morte di suo padre. Amanda le risponde che si può cambiare per amore.

Mentre tutta Springfield emargina Kevin come se fosse un appestato, il giovane avvocato si rifugia al parco con una birra. La sua vittoria sembra non avergli dato gloria, agli occhi degli abitanti della città. Sono JASON e CLARISSA a raggiungerlo, e a sedersi accanto al fratello. In fondo Kevin ha vinto la sua prima causa davvero importante. Clarissa ritiene che Kevin sia stato abilissimo. Jason si limita a qualche pacca sulla spalla, ma considerando che tra i due fratelli non corre buon sangue, il gesto è già abbastanza indicativo, soprattutto perché riesce a strappare a Kevin un sorriso.

A casa sua, Fiona si prende cura di Thomas. Per fortuna il ragazzo ha riportato traumi lievi. Fiona sottolinea che questo non giustifica affatto il comportamento di Ryan. La donna è certa che Thomas non lo abbia provocato in alcun modo, e scopre che non è la prima volta che il ragazzo viene pestato da suo figlio. Fiona comincia ad avere seriamente paura di aver cresciuto un delinquente, e sa che deve affrontare la cosa, il più presto possibile. Tra l’applicazione di un disinfettante e di qualche cerotto, l’infermiera nota che Thomas ha gli stessi occhi di Ryan, ma ciò le provoca un ulteriore turbamento perché non fa che chiedersi quante volte abbia guardato gli occhi del figlio senza accorgersi di nulla, dei suoi problemi, così presa dal lavoro e dai turni massacranti pur di mandare avanti la famiglia da sola. Thomas non è di molte parole, ma sembra fidarsi della donna che lo sta medicando, anche perché pensa che almeno lei si sia accorta di lui. Fiona gli consiglia di non giudicare la sua famiglia: essere genitori di un adolescente non è un compito facile, ed è sicura che Rick e Mindy tengano a lui più di ogni altra cosa. Improvvisamente bussano alla porta. Dalla finestra, Fiona si accorge che si tratta di Lillian Raines. Dopo aver pregato Thomas di non farsi scoprire, va ad aprire la porta. Lillian si congratula con Fiona per la sua riacquistata libertà, ma le chiede di dirle la verità e di giurarle di non aver ucciso Sophia. Lillian insiste, e Fiona è costretta a farla entrare in cucina, guardando costantemente e in ansia in direzione dell’altra stanza, dove Thomas resta in silenzio. Fiona è un po’ indispettita dalle domande di Lillian, chiarisce di essere già stata processata e assolta. Non intende subire un altro processo da lei. Lillian ricorda la dolcezza di Sophia e non riesce a trattenere le lacrime. Di fronte all’atteggiamento adesso supplichevole di Lillian, Fiona giura di non averla uccisa. In quel momento entra Ryan, arrabbiato con la madre che l’ha respinto. Il ragazzo vuole sapere dov’è quel nerd sfigato di Bauer. L’ha forse nascosto nella sua stanza? Lillian si fa scura in viso, e chiede a Fiona chi stia nascondendo e perché.

Sfogliando il libro di filastrocche che le ha regalato Vanessa, Meg trova una foto rimasta incollata ad una pagina. La foto ritrae una giovane Vanessa vestita di nero, con un cappello elegante e una veletta anch’essa nera. Meg immagina che la signora Chamberlain fosse a un funerale quel giorno. Poi però nota che sullo sfondo s’intravede una sposa. Meg sorride e pensa che nessuno si vestirebbe di nero a un matrimonio, e che la signora Chamberlain sembra davvero la strega cattiva delle fiabe, ma è giusto riconsegnarle la foto nonostante sia divertente. La inserisce in una busta che richiude con cura e vi scrive sopra: “da consegnare alla signora Chamberlain”.

Al Country Club, dopo aver parlato con Holly, Amanda si sposta al tavolo di Vanessa, con la quale ha un incontro di lavoro. Le due donne parlano dei profitti delle Industrie Spaulding negli ultimi mesi, e Vanessa coglie l’occasione per dirle di aver visto spesso Matt a Villa Spaulding. Amanda, solitamente schietta e sfrontata, cerca di tergiversare. Viene tratta in salvo dalla gelosia di BILLY, che ha sentito la parte finale della conversazione, e che domanda a Vanessa come mai si stia interessando del suo ex-marito. È il caso di preoccuparsi? Vanessa riesce a uscire dall’impasse con la sua solita classe.

Ai Cedri, Rick entra nel suo ufficio di capo dello staff. È visibilmente preoccupato per la piega che hanno preso gli eventi. PHILLIP bussa e fa capolino dalla porta. Rick è sollevato di vedere il suo migliore amico, e lo fa accomodare. Phillip cerca le parole per confortare Rick, dicendo che supereranno anche questo momento, e che la polizia scoprirà la verità sugli omicidi avvenuti ai Cedri. Rick non riesce ad essere così ottimista: è in gioco la vita stessa degli altri pazienti, e la reputazione dell’ospedale. Phillip chiede come mai Rick non gli abbia mai parlato del ricatto di Fiona Corrington. Rick confessa che se ne vergognava. Quando il tribunale ha affidato il piccolo Norman alla madre biologica, e lui e Mindy hanno visto sfumare il sogno di diventare genitori insieme, era distrutto. Sentiva di aver spezzato il cuore di Mindy. Phillip è certo che Rick non avesse alcuna colpa. Rick si asciuga una lacrima, e ricorda al suo migliore amico di essere colpevole della morte di Ross. Phillip gli mette una mano sulla spalla, lo scuote, e gli ricorda che devono condividere questo fardello insieme, Rick non deve sentirsi solo. La morte di Ross è stata un incidente. Rick insiste che invece avrebbero potuto evitarla. Kevin Marler cova rancore e risentimento nei loro confronti, specialmente in quelli di Rick che ha pagato il meccanico affinché manomettesse l’aereo su cui Ross è salito senza mai fare ritorno. Phillip riflette sulle frasi di Rick, e afferma che entrambi devono andare avanti, per il bene dei loro figli. Hanno la possibilità di rimediare, facendo da padri l’uno a Peyton e l’altro a Thomas. Nelle vene dei due ragazzi non scorre il loro sangue, ma nonostante questo, anzi specialmente per questo, hanno il dovere di garantire loro un futuro migliore.

A casa Corrington, Lillian entra in salotto e vede Thomas steso sul divano coperto di cerotti, e con del ghiaccio sul viso. Si precipita a verificare che il ragazzo stia bene, e gli chiede che cosa sia accaduto. Thomas risponde di non essersi fatto nulla di grave, e di essere caduto con lo skateboard davanti alla porta di casa Corrington. Per fortuna la signora Fiona l’ha soccorso. Lillian impulsivamente gli crede, e Fiona potrebbe approfittare della bugia appena detta da Thomas, ma dopo un po’ viene colta dal rimorso, e invita Thomas a dire la verità. Ryan è presente, e Thomas non ha il coraggio di parlare, ma è Fiona a farlo per lui. Lillian apprende così la verità. Fiona le spiega che Ryan sta già scontando una condanna, e che lei non è riuscita a tenere d’occhio il figlio per via dell’arresto e del processo, e prima ancora per via dei turni massacranti che ha sempre dovuto fare per mandare avanti la famiglia. Adesso però si occuperà del problema, e dà a Lillian la sua parola, chiedendole di coprirla, nonostante l’amicizia che la lega ai Bauer. Thomas prega Lillian di fare come dice la signora Corrington, giurandole che sarà solamente per questa volta. Lillian pretende che la cosa non si ripeta mai più, e porta via Thomas, che a testa bassa ringrazia Fiona, la quale gli dice che non dovrà più avere paura di Ryan.

Verso sera, mentre passeggia con la sua BLAKE, FRANK le dice che la storia del killer dei Cedri e di Kevin contro il mondo intero non deve fermarli, hanno bisogno di qualcosa di bello. Blake chiede al compagno che cosa intenda. Frank la accompagna al ponticello su cui si sono dati il primo appuntamento. Il parco è illuminato da migliaia di lucine a led. Blake resta incantata dalla sorpresa di Frank. L’uomo s’inginocchia, tira fuori un anello, e le chiede di sposarlo. Blake accetta, emozionata fino alle lacrime. Da un nascondiglio tra gli alberi sbucano fuori tutti i parenti, che hanno assistito alla scena. Jason e Clarissa sono felicissimi per la madre. Kevin si limita a un sorriso di circostanza, ma Blake lo abbraccia comunque. Anche Holly, ED e Meg si stringono intorno a Blake. MARINA, SHAYNE e il piccolo HENRY fanno una gran festa a Frank, e così BUZZ. Frank gli chiede dove sia Lillian, Buzz risponde che è proprio quello che vorrebbe sapere.

Lillian è ai Cedri, ha insistito perché Thomas fosse visitato da un dottore, senza dirlo ai Bauer. Assicuratasi che il ragazzo stia bene, ora la donna deve affrontare la parte più difficile per lei: riportarlo a casa Bauer mentendo sulle dinamiche dell’accaduto. L’unico che possa supportarla e darle consigli è Buzz. Lillian lo chiama al telefono.

Al parco, Buzz si allontana dal gruppo per rispondere alla telefonata. Lillian lo prega di raggiungerla ai Cedri senza dire nulla agli altri, e l’uomo si precipita dalla donna che ama. Jason, Clarissa, Marina e Shayne continuano a festeggiare, e a prendere in giro Frank e Blake. D’ora in poi saranno una vera famiglia. Meg dice a Holly di aver lasciato sul tavolo della cucina una busta da consegnare a Vanessa, e prega la madre di non dimenticarsene.

Intanto Vanessa e Billy si godono una tranquilla serata nel giardino di Villa Spaulding. Vanessa confessa a Billy di essere rimasta lusingata dalla piccola scenata di gelosia al Country Club. Billy promette di farne molte altre, e le dà un bacio al chiaro di luna.

Ai Cedri, la dottoressa JANE CLAREMONT vede Lillian accompagnare fuori da una camera il giovane Thomas malconcio, e raggiunge i due in fretta chiedendo che cosa sia accaduto. Lillian mente, dicendole che il ragazzo è caduto. Jane non crede ad una sola parola, sostiene di saper riconoscere una menzogna, e questa lo è. Per tutta risposta, Lillian le ordina di non intromettersi in faccende che non la riguardano. Jane dice che invece la riguardano eccome, Thomas Bauer è un suo paziente. Il ragazzo dice alla Claremont di stare bene. L’ultima cosa di cui ha bisogno adesso è della sua strizzacervelli. Buzz interviene in tempo per calmare gli animi. La Claremont si allontana, assicurando che ci saranno delle conseguenze, e che la storia non finisce qui, mentre Lillian racconta tutti i dettagli al marito. Ora ha bisogno del suo sostegno per riaccompagnare Thomas dai Bauer.

Davanti alla porta sul retro di casa Bauer, quella che dà direttamente sulla cucina, Lillian ha un attimo di esitazione. Sapendo di dover mentire ai Bauer si sente in colpa, esattamente come accadde il giorno del funerale di Maureen Bauer. Lillian rivive quella scomoda e dolorosa situazione di tanti anni fa. Buzz nota il disagio della moglie, e si offre di mentire lui al posto suo, ma Lillian non accetta. Ad aprire la porta è MICHELLE, l’ultima persona che Lillian avrebbe voluto vedere (le fa tornare in mente il funerale di Maureen). La donna chiede di Rick e MINDY, che la raggiungono subito in cucina. Lillian spiega che Thomas è caduto con lo skateboard davanti ai suoi occhi, ma che sta bene, se n’è assicurata personalmente accompagnandolo ai Cedri. Rick e Mindy si preoccupano e chiedono altri dettagli, ma Lillian ripete la stessa versione dei fatti senza aggiungere nessun nuovo particolare che potrebbe tradirla. Buzz aiuta la moglie, e Thomas conferma tutto, ringraziandoli per averlo soccorso. Buzz spiega che lui e Lillian devono tornare al parco per festeggiare Frank e Blake. Rick e Mindy hanno saputo della proposta di matrimonio e promettono di raggiungerli al parco, non appena si assicureranno che Thomas stia bene. Buzz e Lillian lasciano casa Bauer. Lillian tira un sospiro di sollievo, e chiama Fiona facendole sapere quanto le sia costato mentire ai Bauer.

Fiona costringe Ryan a sedersi e ad ascoltarla. Loro due hanno fatto sempre tutto insieme, e anche stavolta affronteranno insieme il problema. Fiona vuole sapere se Ryan frequenti cattive compagnie che lo acclamano quando picchia qualcuno, vuole sapere chi siano i suoi amici. Ryan ammette di non averne molti. Fiona vuole che lui rifletta su come lo faccia sentire bullizzare gli altri. Ryan ammette di sentirsi un uomo in quel momento. Si sforza costantemente di essere l’uomo di casa, non essendocene un altro. Fiona cerca di fargli capire che il suo comportamento non è da veri uomini. Lui fa del male perché gliene è stato fatto e perché ha paura di essere debole. E se ha vandalizzato il faro e il giardino dei Bauer probabilmente è perché è scontento della sua vita, ma lei non lo biasima per questo. Non ha avuto un padre, ma gli assicura che prendersela con gli altri avrà degli effetti negativi principalmente su lui stesso. Ryan le chiede perché proprio lui non abbia avuto un padre, mentre Thomas Bauer vive in una bella casa, circondato da familiari che lo amano. Fiona piange e prova ad abbracciare il figlio, ma Ryan si allontana e si chiude nella sua stanza, mettendo la musica a tutto volume. Fiona cerca il numero della dottoressa Claremont e la chiama, spiegandole che suo figlio Ryan ha bisogno di aiuto e chiedendole un appuntamento.

Di notte, Meg si alza di nascosto, e va in cucina con un pensiero fisso: pensa che, se ha trovato un oggetto nascosto in un libro, potrebbe trovarne degli altri. La ragazza inizia a sfogliare, uno per uno, tutti i volumi di filastrocche di Penelope Spaulding.

La mattina dopo, Holly trova Meg addormentata sul divano, vicino a una pila di libri. Meg si sveglia, e Holly con un sorriso le chiede se abbia davvero passato la notte sul divano. Meg risponde di aver dormito comodamente, e confessa alla madre di essersi addormentata mentre leggeva.

Nella sala da pranzo di Villa Spaulding, la governante HILDA dà il buongiorno a INDIA, accogliendola con una torta di compleanno. Amanda, che ha già finito di fare colazione e sta leggendo sul giornale le quotazioni delle azioni, le fa notare di essere rimasta ad aspettarla da un po’. Si è svegliata, alla buonora! India si giustifica, ricordando di essere una nobildonna europea. Hilda fa accomodare Clarissa che teme di essersi persa qualcosa. Amanda le comunica che la baronessa europea non ha ancora spento le sue cento candeline. Clarissa ride, fa gli auguri a India, e le chiede se sia riuscita ad aprire lo scrigno con le lettere del barone suo padre. India sbraita che quella strega della sua matrigna le ha regalato lo scrigno, ma non la chiave.

Meg trascorre la mattinata a sfogliare tutti i libri di filastrocche, una pagina dopo l’altra, senza trovare nulla. Frustrata e delusa, sta per arrendersi, quando nell’ultimo libro trova un vano segreto. Esso contiene una pietra scura che è a sua volta il nascondiglio di una chiave. Meg ricorda un passaggio del testamento di Alexandra Spaulding, indirizzato a India: “Una volta trovasti un tesoro nella pietra angolare, ora cerca la chiave di volta”. 

Meg esulta di gioia, chiama al telefono suo padre FLETCHER e gli dice di aver trovato la chiave di pietra!

In attesa di una telefonata importante, Phillip ha stampato tutte le poesie che gli ha mandato Elliot. Le sfoglia insieme a Lillian, alla quale legge “Candy aveva un topolino che si chiamava Warren”. Anche Lillian, come già successo a Ed, ricollega la poesia a Lesley Ann Monroe, che lei ha conosciuto quando era capo-infermiera ai Cedri. In mezzo alle altre poesie, gli occhi di Lillian cadono su un’altra poesia. 

“Tutt’altro che candida e pura,
seduci con il tuo pallido
colore di luna, calla,
gelosa dei fiori di giglio.
Avvolta su te stessa
come una conchiglia,
la tua vanità si arrampica,
sinuosa e intoccabile,
in un morboso elevarsi.
Fragile ma insincera,
ferisci con il tuo spadice.
Statua di cera velata,
calla dal cuore di sasso.
Ruvida e superba,
così bella da sembrar finta.
L’ambiguità sei tu, calla”.

Lillian commenta che questa poesia sembra scritta per sua sorella Calla. Phillip guarda la suocera con sguardo interrogativo.

Ai Cedri, Michelle e JACK sono un po’ in imbarazzo l’uno con l’altra. I due si sono scambiati il loro primo bacio nel giardino del tribunale, quando si è attivato l’impianto d’irrigazione. Jack dice a Michelle che i capelli bagnati le donavano. Le chiede se questo pomeriggio sia libera, Michelle risponde di sì, e Jack confessa che in realtà lo sapeva già. Le propone di andare insieme alla festa di fine estate alle cascate Laurel. Michelle teme che ci siano solo ragazzi più giovani di loro, ma Jack le promette che se dovesse sentirsi a disagio faranno soltanto un pic-nic distaccati dagli altri. Michelle lo avvisa di avere moltissimi ricordi legati alle cascate Laurel, ricordi sia belli che brutti, e spera di non annoiarlo troppo con i suoi racconti. Jack interpreta la risposta di Michelle come un “sì” al suo invito, e le sorride.

A Villa Spaulding, Fletcher e Meg consegnano la chiave a India. È esattamente la chiave che apre lo scrigno dei Von Halkein. Aperto il cofanetto, India rimane delusa. Si aspettava di trovare le lettere di suo padre, ma c’è soltanto un biglietto con scritto “Rivedi il tuo Cachet”. India ricorda che “Cachet” era il nome della sua galleria d’arte molti anni fa. Il dipinto del Faro nella tempesta che le ha lasciato Alexandra in eredità, ma che lei ha venduto all’asta di beneficenza per il faro, proveniva proprio dalla sua vecchia galleria Cachet. India comincia a sospettare che la matrigna abbia celato qualcosa all’interno della cornice. Fletcher le ricorda che il quadro è stato acquistato da Shayne Lewis, che desiderava regalarlo a Josh e Reva. India dice che per togliersi ogni dubbio devono ritrovare il maledetto quadro. Fletcher spiega a Meg che se ne occuperanno lui e India, mentre lei può andare a divertirsi alla festa di fine estate.

Al cottage, Holly, Ed e Blake parlano dei preparativi dell’imminente matrimonio, quando Holly nota sul tavolo la busta gialla indirizzata a Vanessa, ricordandosi della richiesta che le ha fatto Meg.

Clarissa cavalca dalla fattoria Jessup alle cascate Laurel, dove il fiume di Springfield fa cinque bellissimi salti.

Alle cascate, è iniziata la festa di fine estate. C’è della musica di sottofondo, e sono presenti molti ragazzi. Marina e Shayne hanno già occupato un tavolo da picnic, e preparato dei sandwich per tutti. Jason, per deformazione professionale, controlla che tutti si comportino secondo le regole. Kevin lo convince a non fare il poliziotto per una volta, e gli offre una birra invitandolo a rilassarsi. I due fratelli si avvicinano a una delle cascatelle e scattano qualche selfie insieme divertendosi e schizzandosi l’acqua. Entrambi tolgono la maglietta, ballando come matti sulle note di una canzone. LEAH arriva in quel momento, ed è immediatamente catturata dall’immagine di Kevin a torso nudo. Kevin si accorge dell’arrivo di Leah, smette improvvisamente di ballare e la guarda sorridendo. Jason si volta per capire come mai il fratello sia rimasto imbambolato, e capisce il motivo. Ne approfitta per dargli un ceffone affettuoso. Thomas si è isolato su una panchina, ma Leah, Henry e Meg lo costringono ad alzarsi e a raggiungere la piattaforma che consente la migliore vista sulle cascate, dove Henry scatta tantissime foto. Thomas cerca animali selvatici con un binocolo, e mostra agli altri una donnola. Clarissa arriva in sella al suo cavallo, e quando toglie il cap, i suoi capelli rossi brillano al sole. La ragazza raggiunge subito i fratelli vicino alle cascate. Arrivano anche Michelle e Jack che stendono una coperta sull’erba, un po’ distanti dagli altri. Michelle presenta Jack a Marina e Shayne. Marina ammette che Jack sia molto carino, ma sussurra a Michelle che vorrebbe vederla insieme a un altro. Michelle la prega di non parlarle di Danny proprio qui alle cascate Laurel, ma Marina dice alla “bella addormentata” di svegliarsi: c’è un altro Lewis che pende dalle sue labbra, e se loro due diventassero cugine acquisite non sarebbe male. Michelle dice all’amica che è una spudorata.

India e Fletcher si accorgono che il Company è chiuso, e non hanno trovato Shayne neppure a casa sua. Fletcher suppone che il ragazzo sia alle cascate Laurel. India non intende fare scarpinate in mezzo alla natura! Proveranno a recuperare il quadro domani.

I ragazzi di Springfield trascorrono qualche ora di relax e di divertimento alle cascate Laurel. Leah si avvicina a Kevin. Ammette che i suoi genitori non vorrebbero mai che lei lo facesse, ma sente di congratularsi con lui per la vittoria al processo. Kevin conferma alla ragazza la sua convinzione che Fiona fosse innocente, ed è solo per questo motivo che è felice che sia stata assolta. All’inizio ha accettato il caso per sete di vendetta, ma poi l’ha mosso il senso di giustizia. Sa che Leah non gli crede, così le mostra una foto di Ross Marler e giura su suo padre di averle detto la verità. Kevin afferma che Ross era il miglior padre e il più abile avvocato dello stato. Leah precisa che Ross Marler era un avvocato più bravo di Perry Mason. Kevin si emoziona nel sentirglielo dire. Leah deve confessargli un’altra cosa: si è appena iscritta in Legge a Springfield, ed è stato proprio lui a ispirarla. Kevin rimane senza parole, e le prende la mano. Le promette che un giorno apriranno un nuovo studio legale insieme. Lei gli chiede se essere associato al cognome Bauer non gli darebbe fastidio. Kevin le risponde che non gli darebbe mai fastidio essere associato a lei. Il momento perfetto tra i due ragazzi è interrotto dagli altri, che trascinano anche Kevin e Leah a ballare in gruppo. Tutti si divertono. Clarissa si lancia in un girotondo con Marina. Le due ragazze si sono evidentemente ritrovate come amiche e quasi sorelle. Jason si scatena con la zietta Meg. Approfittando della confusione, Leah e Kevin fuggono. Si nascondono dietro alcuni alberi, in una radura da cui si vedono le cascate, e si baciano appassionatamente.

La scena si sposta al Beacon Hotel, dove i due ragazzi entrano nella camera di Kevin baciandosi e richiudendo la porta dietro di loro. Kevin e Leah fanno l’amore per la prima volta, mentre la musica suona ancora alle cascate Laurel.

La mattina dopo, Phillip riceve la telefonata che aspettava. Dall’altro capo del telefono c’è la sua ex-moglie HARLEY COOPER, oggi una cinquantunenne, con la sua solita vivacità e un immutato talento nelle investigazioni. Harley rinnova a Phillip le condoglianze per la morte di Alexandra, e lo aggiorna sul loro figlio Zach. Scopriamo che il ragazzo vive nel nord dell’Europa, è un programmatore informatico, e da poco ha sviluppato un’app di enorme successo. Harley torna all’argomento per il quale ha chiamato Phillip. Lo informa di avere scoperto da dove provengono le e-mail che riceve.

Alla WSPR, Holly consegna frettolosamente a Vanessa la busta da parte di Meg. La donna suppone sia una lettera di ringraziamento per il libro di filastrocche. Rimasta sola, Vanessa apre la busta, estrae la foto che Meg ha trovato in mezzo al libro e resta a fissarla, fino a quando non ha una sorta di folgorazione. Che cosa avrà ricordato di così importante?

Al cottage di Springfield ex-Cross Creek, Shayne riferisce a India di avere già spedito il dipinto del faro a Tulsa, dove ora vivono i suoi genitori. India è seccata. All’esterno dell’abitazione, la donna ammette di detestare l’idea di avere a che fare con Reva Shayne! Fletcher si offre di accompagnarla in Oklahoma oggi stesso, ma la avverte: sarà un lungo viaggio, e non saranno a bordo di una limousine. India si dispera, mentre sui suoi tacchi alti si avvia all’auto di Fletcher.

A casa Bauer, Mindy si assicura che Thomas stia bene e che si sia divertito alla festa di fine estate. La donna riceve una telefonata: è stata convocata per un lavoro fuori città. Mindy lavora per un’importante agenzia immobiliare che ha sedi in tutti gli Stati Uniti, ed essendo tra le più brave nel “Buying & Selling” (vendere la vecchia casa e trovare quella nuova), la donna è molto richiesta. Questa volta è stata chiamata dalla sede di Milwaukee, nel vicino stato del Wisconsin, perché una sua collega è stata investita, e trovandosi in ospedale non può occuparsi dell’Open House di un cliente importante. Mindy non è molto contenta di doversi allontanare, ma è il suo lavoro, ed è lusingata dalla grande fiducia che le danno. La casa che deve vendere si chiama Isham House, e si trova proprio nella città di Milwaukee.

Harley dice a Phillip di aver controllato e verificato più volte: è sicura al 100% che le e-mail che lui ha ricevuto provengano dalla città di Milwaukee! Phillip ripete il nome della città con un tono interrogativo. Ridendo, Harley chiede all’ex-marito se per caso debba fornirgli anche delle informazioni turistiche. Allora sappia che Milwaukee è la città in cui è stata fondata la motocicletta Harley Davidson, già, proprio quella da cui ha preso il nome. Harley non capirà mai cosa diavolo passasse per la mente di suo padre Buzz quando ha affibbiato il nome di una moto a una neonata. Phillip chiede qualche dettaglio in più. Harley torna seria, e schiarendosi la voce, lo informa che le e-mail di Elliot sono state inviate da un computer fisso della biblioteca pubblica di Milwaukee.

All’esterno di un edificio si legge “Biblioteca pubblica di Milwaukee”. Qualcuno supera l’ingresso dall’elegante soffitto ed entra in una sala lettura con una copia dello Springfield Journal tra le mani. Una giovane bibliotecaria afro-asiatica, dal cui badge identificativo leggiamo che si chiama LALITA JOHNSON, saluta la persona appena entrata: “Salve Elliot, buongiorno!”. Elliot si accomoda alla sua postazione dotata di computer, dove appoggia il Journal che oggi reca in prima pagina “Avvocato Kevin Marler, figlio del compianto Ross Marler, fa assolvere sospetta serial killer”. Elliot digita su un motore di ricerca le parole “Ross Marler”, e in pochi secondi compaiono sul monitor delle fotografie di Ross.

Nel frattempo vediamo velocemente scorrere le immagini di Kevin che si sveglia nella sua camera del Beacon abbracciando Leah, Jason indaffarato alla centrale di polizia, Clarissa che striglia il suo cavallo, Frank e Buzz in una videochiamata a tre con Harley al colmo della gioia per l’imminente matrimonio del suo fratellone, Ed che paternamente appoggia la mano sulla spalla di Blake, mentre lei e Holly sfogliano un catalogo di abiti da sposa.

Nella biblioteca di Milwaukee, scopriamo finalmente che il volto di Elliot e il volto di Ross Marler, che si vede nelle immagini comparse al computer, è lo stesso! Elliot e Ross sono la stessa persona!

“Non è possibile! Questo sono io! Io sono ROSS MARLER?!?”.

FINE DEL SETTIMO EPISODIO

Creato da
MARCELLO MARINO
SALVO VASSALLO

Scritto da
SALVO VASSALLO
MARCELLO MARINO

Cast
FionaGiudice EllisKevinMelLillian
RickHollyRyanThomasVanessa
MegAmandaJasonClarissaBilly
PhillipBlakeFrankEdMarina
ShayneHenryBuzzJaneMichelle
MindyMindyHildaIndiaFletcher
JackLeahHarleyLalitaRoss

We do not own Guiding Light or any of the related characters. The Guiding Light soap opera is created by Irna Phillips and owned by Procter & Gamble. All rights of Guiding LIght belong to Procter & Gamble. This story is a work of fanfiction and is meant for entertainment only. We are not making profit from this story.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...