Guiding Light The Series – S01E01 – Morte in Famiglia – Death in the Family

L’ULTIMA VOLTA CHE LA LUCE HA ILLUMINATO SPRINGFIELD

Sul far della sera il faro di Springfield proietta a intervalli regolari il suo raggio luminoso sulle tranquille acque del lago. L’apparente calma viene infranta dall’improvviso alzarsi del vento e dallo scurirsi del cielo. Un uragano avvolge il faro. Mentre all’interno il costante martellare dell’acqua e del vento fa cadere dei mattoni, all’esterno i venti di tempesta rompono parecchi vetri della lanterna. L’uragano strappa via la cupola del faro e la porta d’ingresso. Un fulmine distrugge l’impianto elettrico della struttura. Il faro di Springfield si spegne.

OGGI

È mattino presto. Il faro di Springfield versa in una condizione d’incuria e abbandono. È ancora in piedi, tuttavia è gravemente danneggiato. Il parapetto del balconcino è parzialmente divelto. Non è un bello spettacolo.

HOLLY READE, settantacinque anni, produttrice e consulente editoriale della WSPR, l’emittente televisiva locale, è in diretta sul luogo: “Buongiorno Springfield. Sono Holly Reade della WSPR. Sono passati un po’ di anni da quando vi facevo compagnia ogni giorno con i programmi di questa rete, ma oggi sono tornata sui vostri schermi, perché questo è un giorno speciale per Springfield e voglio essere proprio io a raccontarvelo. Mi trovo davanti all’edificio simbolo di questa città, il vecchio faro, la nostra luce guida da sempre, che da troppi anni è in stato di abbandono…”.

Holly si avvicina a ED e RICK BAUER, padre e figlio, rispettivamente settantanove e cinquantasei anni, proprietari dal 1988 del faro di Springfield. Li intervista. I Bauer riferiscono di aver ricevuto un’accorata sollecitazione da parte del sindaco Lewis riguardo al restauro del faro. I proprietari, del resto, sono desiderosi in prima persona di far tornare a brillare l’edificio simbolo di Springfield. Sono passati vent’anni dall’ultimo restauro, promosso dalla prozia Meta Bauer. Tuttavia, questa volta, a causa dell’uragano che ha duramente colpito l’edificio, sono necessari lavori di ristrutturazione ben più lunghi e onerosi. I Bauer ci tengono a far sapere che, mentre cercavano dei finanziatori per il progetto, Alexandra Spaulding, presidente delle industrie omonime, ha dato la sua disponibilità e si è impegnata a devolvere i fondi necessari per il restauro del faro. L’accordo sarà stipulato il prossimo 4 luglio, alla presenza di tutti gli invitati e i partecipanti al celebre Barbecue dei Bauer. Grazie alla generosità di Alexandra Spaulding, la famiglia Bauer metterà di nuovo il faro a disposizione della comunità di Springfield.

A telecamere spente, Holly dà un bacio a Ed, gli conferma che è stato meno timido e impacciato di quanto temevano. Rick interrompe i “piccioncini”, e ricorda loro che bisogna correre a casa, perché oggi è il “giorno speciale” di Michelle.

Nella sua stanza da letto, a casa Bauer, la bella MICHELLE BAUER, quarant’anni, sta dormendo profondamente indossando i vestiti della sera precedente. Accanto a lei, c’è un uomo che dorme – e russa – in jeans e camicia. Suona la sveglia, lei fa cadere lui dal letto.

L’uomo è BILL LEWIS, quarantun anni, un viso simpatico. Michelle e Bill si rendono conto di essersi addormentati mentre lui aiutava lei a ripassare procedure e protocolli sanitari. Michelle lo rimprovera perché avrebbe dovuto tenerla sveglia. Bill le garantisce che non hanno fatto sesso, e ride divertito. Michelle lo colpisce con un cuscino e gli dà dell’idiota. Bill le ricorda che sta offendendo il sindaco, e lei commenta che questa città non avrebbe potuto eleggere un sindaco più stupido. Lui, sornione, puntualizza ricordandole del suo ex-marito sindaco Santos. Michelle, colpita dalla stoccata del suo migliore amico, alza gli occhi al cielo. Bussano alla porta. “Mamma?”. È HOPE BAUER SANTOS, la figlia sedicenne di Michelle. Michelle fa a Bill il gesto della gola tagliata, mentre strilla “Arrivo tesoro!”. La porta è chiusa a chiave. “Mamma?” Hope insiste nel cercare di aprire. Michelle ordina a “Lewis” di uscire dalla finestra. Bill obietta che si spezzerà l’osso del collo! Michelle lo tranquillizza perché al pronto soccorso troverà lei ad aspettarlo, e lo spinge giù.

Bill atterra sul prato incolume, si volta, manda un bacio a Michelle affacciata alla finestra, ma poi inciampa e cade rovinosamente facendo un fracasso incredibile. MINDY LEWIS, cinquantaseienne, esce dalla porta della cucina che dà sul giardino, riconosce suo fratello e gli chiede cosa diavolo stia combinando. Bill risponde di essere appena arrivato per fare le congratulazioni a Michelle. Mindy lo fa entrare in cucina.

Mindy nota che Bill è scompigliato e ha la camicia sgualcita, sembra essersi appena svegliato. Non fa in tempo a farglielo notare che da sola tira le somme e capisce tutto, mentre Bill finge di non ascoltare le sue domande e dà il buongiorno a THOMAS, un ragazzo di sedici anni che è entrato in cucina come uno zombie, inforcando occhiali da sole e cuffie wireless. Il ragazzo, molto introverso, è il figlio adottivo di Mindy e Rick. Mindy apprezza che almeno sia sceso a fare colazione. Thomas è taciturno come sempre. Bill chiede a Mindy come ci si sente a essere la nuova stella del Buying & Selling. Mindy è molto richiesta nel suo nuovo lavoro che si occupa di compravendita di case.  

Arrivano Ed, Rick e Holly. La festeggiata non è ancora scesa. Rick chiede a Bill se lo abbia investito un trattore. Ed si avvicina al piccolo tavolino portariviste posto sotto la finestra. Sul tavolino sono poggiate una coppia di antiche lampade a olio e tre fotografie incorniciate. Una di queste foto ritrae Bert, sua madre, e un’altra Maureen, la sua defunta moglie. Ed prende in mano i due portafoto e ad alta voce pensa che le due donne sarebbero orgogliose di Michelle.

Primo episodio della nuovissima Fanfiction ispirata a Sentieri: Guiding Light The Series.

Michelle scende dal piano di sopra e trova il gruppetto di persone ad attenderla. Sono presenti suo padre Ed con la sua compagna Holly, suo fratello Rick con la moglie Mindy, i ragazzi di casa: sua figlia Hope, e il figlio di Rick e Mindy, Thomas. C’è anche Bill naturalmente, il suo migliore amico che finge goffamente di essere appena arrivato. Michelle da oggi è il nuovo capo di medicina d’urgenza al pronto soccorso dell’Ospedale dei Cedri. Mindy regala alla cognata un braccialetto identico al suo, raccomandandosi con lei di non perderlo in ospedale perché ormai è fuori produzione.

Arriva anche LEAH, una ragazza di diciotto anni, è la figlia che Rick ha avuto da un precedente matrimonio. Saluta calorosamente tutti tranne Mindy, la sua matrigna. Michelle nota il disagio della cognata. Mindy è impensierita anche per Thomas, che nel frattempo si è sfilato dai familiari ed è tornato in camera sua. Il ragazzo si rifiuta di andare al campo estivo. Inoltre Mindy teme di non avere instaurato con lui un legame forte, ma Michelle le ricorda che lei ha amato Maureen con ogni fibra del suo essere nonostante non fosse la sua mamma biologica. Una madre adottiva sceglie di essere una madre speciale, e Mindy lo è. Nello stesso momento arriva un freddo e formale sms di congratulazioni da Claire Ramsey (la madre biologica di Michelle). Cade a fagiolo, e dà forza al concetto espresso da Michelle.

Mindy riceve una videochiamata dalla sua migliore amica, BETH RAINES SPAULDING. Beth ci tiene a congratularsi con Michelle. Rick s’inserisce nella conversazione e chiede a Beth dove si trovi il suo migliore amico. Beth gli risponde che Phillip è all’Università e sta registrando per la WSPR il primo podcast su poesia e scrittura creativa.

Nell’ufficio del Professore P. Spaulding presso il Dipartimento di Letteratura dell’Università di Springfield, PHILLIP sta registrando il podcast in questione. Le sue parole sono ispiratrici e affascinanti.

Nel frattempo in una sontuosa biblioteca privata, su uno scrittoio in stile vittoriano, una radio trasmette il podcast di Phillip Spaulding. Qualcuno ascolta le parole di Phillip e prende appunti. Vediamo un’elegante penna scrivere su un foglio di carta. Nella stessa stanza, una donna sta ricamando. Le sue unghie sono smaltate di un color rosa pallido. Alle undici in punto un orologio a pendolo suona. La donna smette di ricamare. La voce di Phillip annuncia che il podcast è concluso, e scandisce un indirizzo e-mail cui scrivere. La persona che impugna la penna lo trascrive.

Finito il podcast, Phillip trova Beth ad aspettarlo. Beth è felice dell’entusiasmo di Phillip, le cose stanno andando bene, hanno trovato entrambi la loro dimensione, lui con la scrittura e l’insegnamento, lei con la sua galleria d’arte. Phillip chiede a Beth se ha sentito James, Beth risponde di no. Phillip cerca il numero in rubrica.

Uno smartphone di ultimissima generazione squilla su un tavolino da esterni. Un ragazzo in costume da bagno, sdraiato sul bordo di una piscina, si alza per andare a rispondere, con in mano il suo cocktail. Phillip chiede al figlio cosa stia facendo. JAMES SPAULDING, ventiquattro anni, sostiene che sta lavorando sodo alla Spaulding. Phillip gli chiede se ha almeno considerato l’idea di trasferirsi da lui e Beth, ma James confessa di trovarsi bene a villa Spaulding. Inoltre, in questo modo fa compagnia a zia Alex, che altrimenti si annoierebbe da sola con la Signora Chamberlain e suo marito che vivono nell’altra ala della villa. Phillip non può controbattere, e si limita ad affidare a James il compito di dare un bacio a zia Alex da parte sua.

James beve un altro sorso del suo cocktail e si tuffa in piscina. Una ragazza, che ha ascoltato la conversazione, gli fa il verso: “Sto lavorando sodo… Faccio compagnia a zia Alex… Bella la vita a villa Spaulding, in un’ala tutta tua… peccato per la Signora Chamberlain, così noiosa, ti riferivi a mia madre per caso?”. James ridacchia, e saluta la pungente MAUREEN REARDON, sua coetanea. Lui si sporge fuori dalla piscina per darle un bacio sulle labbra, ma lei gli porge la guancia e sussurra: “Attento, la mia noiosa madre ci sta guardando!”.

Da una finestra della villa, in effetti, VANESSA CHAMBERLAIN, settant’anni, li sta osservando. BILLY LEWIS, suo marito, settantacinque anni, le chiede se approva la relazione tra sua figlia e il ragazzo Spaulding. A Vanessa non dispiace che Maureen frequenti il rampollo più promettente della famiglia Spaulding. Billy commenta senza peli sulla lingua che a lui quei due ragazzi insieme non piacciono, sembrano Vanessa e Alan Spaulding da giovani. Non ha mai capito cosa sua moglie trovasse di affascinante in quell’uomo.

James esce dalla piscina, si asciuga, e precisa a Maureen che stava davvero lavorando. Le mostra alcune ricerche che ha fatto su strategie social e marketing. James si occupa delle Pubbliche Relazioni alle Industrie Spaulding, ed è il Social Media Manager. Maureen è rappresentante di marketing alla divisione cosmetica della società. I due fanno una story che pubblicano sui social, poi Maureen nota il bicchiere e controlla il cocktail di James. James la tranquillizza: è analcolico. Accarezzandole i capelli, le riconferma la sua gratitudine, non ha dimenticato che ora sta bene grazie a lei.

Mentre continua a osservare i due giovani dalla finestra, Billy si dice sicuro che un giorno la figlia di Vanessa si innamorerà di un bravo ragazzo all’antica, molto probabilmente un Lewis. Vanessa sospira e si lascia abbracciare dal suo cocciuto marito.

All’esterno dell’ospedale dei Cedri, Bill stringe Michelle un’ultima volta e le augura buon primo giorno di lavoro. Michelle si lascia incoraggiare dall’amico ed entra ai Cedri a testa alta.

S’imbatte subito in suo fratello Rick che è il capo del personale. La capo-infermiera LILLIAN RAINES, settantasette anni, è andata in pensione, ma frequenta ancora le corsie dell’ospedale. Lillian presenta a Michelle le infermiere SOPHIA LA FERLA, una ragazza esile dallo sguardo sveglio, e FIONA CORRINGTON, che di certo non suscita simpatia a prima vista. Lillian dice a Michelle che è un peccato che sia andata in pensione perché le sarebbe piaciuto lavorare al suo fianco. BUZZ COOPER, settantacinque anni, fa capolino all’improvviso, e replica che per Lillian è giunto il momento di godersi l’amore del suo maritino. Si baciano così appassionatamente che Michelle si gratta la fronte dall’imbarazzo. Michelle manifesta a Buzz il suo dispiacere per la morte della Signora Popoff, è stata un duro colpo per gli abitanti della Quinta Strada, tutti erano convinti che stesse meglio. Lillian commenta che, in effetti, si era ripresa e stava meglio, e che ai Cedri ancora ne parlano. L’infermiera Corrington osserva Rick. Rick alza lo sguardo da una cartella clinica e incrocia gli occhi di Fiona, che gli fanno venire in mente un ricordo non piacevole.

FLASHBACK. APRILE 2016. Nell’ufficio del capo dello staff, Rick dice a Fiona che ai Cedri non serve altro personale infermieristico. Fiona riproduce un audio registrato con il cellulare, in cui si sente Rick farle delle avances in modo insistente. Fiona persevera nella sua richiesta di essere assunta ai Cedri, altrimenti denuncerà Rick per molestie.

Tornato alla realtà presente, Rick distoglie lo sguardo da Fiona e si allontana, mentre lei continua a fissarlo compiaciuta di se stessa.

Una ragazza dai capelli rossi è in sella alla sua bicicletta. Ogni tanto si ferma per lasciare dei volantini nelle cassette della posta che incontra. Frena davanti ad un’abitazione circondata da un piccolo giardino: si tratta della Carriage House, la casa in cui molti anni fa vivevano Ross e Blake Marler. Alla finestra del piano superiore c’è una ragazza bionda che la osserva. La ragazza dai capelli rossi si rimette in marcia ma, evidentemente ancora distratta, cade a terra con la sua bici.

Dalla Carriage House esce Phillip che si premura di soccorrerla: la ragazza dai capelli rossi è CLARISSA MARLER, ventidue anni. Phillip la accompagna in casa e le disinfetta il ginocchio. C’è anche Beth. Clarissa si guarda intorno e ha subito l’impressione che in quella casa vivano due artisti. Montagne di libri, quadri e sculture la fanno da padrone. Carinamente fa sapere ai padroni di casa che, a suo parere, l’hanno arredata bene. Phillip le dice che può andare a trovarli quando vuole, le ricorda che sono cugini: il defunto padre di Clarissa, Ross Marler, era zio di Phillip. Phillip le chiede quale nobile causa abbia sposato stavolta: sa che Clarissa ha molti interessi, è un’attivista per l’ambiente, il clima, i diritti. Clarissa è un fiume in piena nell’esporre le sue ultime battaglie. Arriva PEYTON, la figlia sedicenne di Beth e Phillip che Clarissa aveva visto alla finestra. Peyton invita Clarissa a vedere la sua camera. A tal proposito, Phillip chiede a Clarissa se si è ambientata bene alla fattoria Jessup. Lei risponde di amare quel posto, specialmente perché può prendersi cura del cavallo che i suoi fratelli le hanno regalato per il compleanno. Apprendiamo che Olivia Spencer e Natalia Rivera hanno venduto la fattoria a Blake Marler, e ora vivono nel quartiere Venice di Los Angeles con le figlie Emma e Francesca. Francesca viene spesso a Springfield per passare del tempo con suo padre Frank Cooper.

Nel frattempo, ai Cedri, Michelle fa la conoscenza di JACK MORGAN, un uomo attraente di quarantadue anni. Jack è un farmacista clinico che collaborerà con lei al pronto soccorso. Tra i due c’è un’immediata simpatia. Jack è un po’ timido e impacciato nel presentarsi. Molto colpito dalla bellezza di Michelle, riesce a farfugliarle che prima lavorava in un ospedale a Chicago. Anche Michelle ha lavorato per qualche anno in un ospedale della stessa città. Le battute di Jack non sono brillanti, ma risulta simpatico. Jack invita Michelle a prendere un caffè alla caffetteria dell’ospedale.

Nella caffetteria, i due chiacchierano solo per pochi minuti, perché Jack si rovescia il caffè sul camice. Michelle non riesce a trattenere una risata. Mentre Jack va a cambiarsi, Michelle sente dire: “Chi è quell’imbranato?”. Alle sue spalle c’è Bill, che si trovava alla caffetteria con Buzz e ha visto tutta la scena. Michelle gli chiede se per caso il sindaco oggi abbia il giorno libero, e soprattutto per quanto ancora abbia intenzione di sorvegliarla. Bill risponde che se ne andrà quando lei accetterà il suo invito per stasera. Michelle gli domanda se vuole portarla a ballare. Bill pensava piuttosto ad una serata da pantofolai con film, birra e popcorn sul divano. I due amici ridono. Poi si fanno seri e confessano l’uno all’altra di sentirsi soli: Lizzie si è trasferita a Los Angeles con Sarah e Grace, la figlia avuta da Bill. Sarebbe dovuto essere un trasferimento temporaneo, ma l’elezione di Bill a sindaco di Springfield e il successo di Lizzie a Los Angeles come wedding planner dei vip non erano compatibili. Il loro matrimonio è entrato profondamente in crisi. Inoltre in California Lizzie si sente felice. Anche Michelle e Danny si sono separati, Danny adesso vive a Detroit, Michelle non sa che cosa faccia lì e teme che possa ritrovarsi in giri sbagliati, ma non è più una sua responsabilità. Michelle accetta l’invito di Bill. Lui le dà un bacio sulla guancia e se ne va, lasciandola pensierosa.

Alla Carriage House arriva BLAKE MARLER, cinquantasette anni, che ringrazia Phillip e Beth per averla avvisata e per essersi presi cura di Clarissa. Anche lei osserva l’arredamento della casa e chiede cosa abbiano aggiunto di nuovo dall’ultima volta. Si complimenta con Phillip per il podcast. Phillip le dice che in uno dei prossimi podcast avrà bisogno di una writing coach e la invita a partecipare. Blake accetta volentieri.

Quando Blake e Clarissa escono dalla Carriage House, vengono raggiunte da KEVIN e JASON MARLER. I due ragazzi di venticinque anni sono a bordo dell’auto di Kevin. Jason, che indossa una divisa di poliziotto, carica la bici di Clarissa nel bagagliaio. Blake e Clarissa salgono a bordo. Kevin, stizzito, chiede alla madre cosa ci facessero lì. Blake spiega il motivo. Secondo Kevin è un affronto alla loro famiglia, il fatto che Mindy Lewis abbia venduto a Phillip quella casa, la LORO vecchia casa. Blake ribatte che a lei sta bene. C’erano anche dei brutti ricordi tra quelle mura, per questo lei e Ross l’avevano venduta. Kevin sostiene che Phillip Spaulding è uno dei due responsabili della morte di suo padre. Jason lo interrompe e gli ricorda che si è trattato di un incidente. Blake rammenta a Kevin che Phillip è suo cugino, e Ross vorrebbe vederli andare d’accordo. Gli intima di smetterla di cercare vendetta, e lo rimprovera per il suo palese astio nei confronti di Phillip e Rick.

Davanti alla fattoria Jessup, quando tutti gli altri scendono dall’auto, Kevin fa una videochiamata a Leah Bauer. Le fa dei complimenti, la corteggia, e le chiede di vedersi stasera. Leah accetta, e sul viso di Kevin spunta un’espressione soddisfatta, che non lascia presagire nulla di buono.

Velocemente tramonta su Springfield. 

Buzz e Lillian arrivano alla fattoria Jessup per cenare. Buzz saluta suo figlio FRANK COOPER, cinquantasette anni. Frank non fa che tessere le lodi di Jason, che è come un figlio per lui. Jason ha seguito le sue orme nella polizia, e ha ottime intuizioni nel risolvere i casi. Per Marina è diventato come un fratello. Jason vive in una camera alla pensione e scende spesso al Company a chiacchierare con Marina. Buzz nota che Frank è molto protettivo nei confronti di Jason. Jason interviene, dando una pacca sulla spalla a Frank e dicendo che anche lui gli vuole bene, come ad un padre. Clarissa, che sta frugando nei sacchetti del cibo, interrompe l’emozione del momento urlando: “Dove sono i miei vegan-burgers?”. Buzz le risponde “Solo Buzzburgers per te!”. Poi tira fuori una confezione con la cena vegana per la ragazza, che lo perdona con un bacio affettuoso. Lillian chiede a Blake se Kevin si presenterà per cena. Blake risponde che lui preferisce stare da solo, lontano dalla famiglia, a volte le ricorda suo padre Roger.

Kevin è nella sua camera al Beacon Hotel. È a torso nudo e sta fumando una sigaretta. Chiama la reception, dice di essere l’avvocato Marler, ordina una birra e un hamburger.

Mentre sorseggia un tè, Phillip informa Beth che sta già ricevendo molte e-mail e poesie da chi ha seguito il suo podcast. Improvvisamente squilla il telefono: è James. Phillip gli chiede se ci ha ripensato e vuole trasferirsi da loro. James lo interrompe, è molto serio, con voce bassa dice al padre che zia Alex è morta. Phillip resta di sasso, è sconvolto. Beth non trattiene le lacrime. Mentre Phillip indossa in fretta una giacca, Beth avvisa telefonicamente Lillian e Buzz. Alla fattoria Jessup cala il silenzio.

La notizia giunge anche a casa Bauer. Rick si precipita dal suo migliore amico. Leah scrive a Kevin che devono rimandare la loro serata insieme. Lui le invia una foto in cui è a torso nudo e preme il dito sulle labbra in un’espressione delusa. Leah reagisce alla provocazione ricambiando con un selfie in cui manda un bacio d’aria. Kevin è subdolamente soddisfatto. 

A Villa Spaulding, Phillip entra nell’elegante camera padronale. Alexandra giace senza vita sul suo letto, ma noi vediamo solo alcune foto della donna insieme ai suoi cari, poggiate sul comodino. Per l’ultima volta, Phillip esprime il suo immenso affetto alla zia. Beth, Rick, Lillian e Buzz si stringono intorno a lui. Nel corridoio sono presenti anche Ed, Vanessa e Billy.

Peyton entra nello studio della villa. La stanza è al buio, ma è illuminata parzialmente dalla luce della luna. La ragazza si rannicchia sul divano e mentre si asciuga le lacrime, è attratta da una foto di Alexandra e Alan Spaulding. Peyton sfiora con le dita il volto sorridente di Alan.

James esce in giardino. Maureen lo raggiunge e lo abbraccia. Il ragazzo, in lacrime, dice che sua zia era l’unica a credere in lui. Maureen lo conforta, assicurandogli che anche lei ha fiducia in lui. I due ragazzi si soffermano a guardare il cielo stellato.

La luce del mattino illumina la cucina di casa Bauer. Sul tavolo c’è una copia dello Springfield Journal con la notizia della morte di Alexandra in prima pagina. Il funerale è oggi. I Bauer si preparano alla cerimonia.

Il funerale di Alexandra si svolge al cimitero di Springfield. Phillip abbraccia ALAN-MICHAEL e AMANDA SPAULDING, tornati in città per la triste occasione. Gli amici e i parenti porgono le condoglianze a NICK McHENRY SPAULDING, il figlio di Alexandra. È arrivato anche FLETCHER READE, settantacinque anni, da sempre amico della donna. Insieme a lui c’è sua figlia MEG READE, ventisei anni. Meg è affetta da sindrome di Down.

Il reverendo STEVEN RUTHLEDGE dà inizio alla celebrazione.

Una limousine nera sfreccia in una strada alberata, nella periferia di Springfield. L’autista, accecato dal sole, frena bruscamente: “qualcosa” ha attraversato la strada! L’uomo abbassa il divisorio e si assicura che la “baronessa” stia bene. INDIA VON HALKEIN, cinquantotto anni, vestita di nero ma coperta di gioielli, un elegante cappello con piume e veletta sul capo, risponde inizialmente con grazia e classe per poi assumere un tono furioso. L’autista si scusa, dicendo che stava per investire un animale. La baronessa Von Halkein scende dall’auto e verifica di persona. Sull’asfalto, proprio davanti all’auto, c’è una copia dello Springfield Journal. L’autista lo raccoglie e lo porge a India. “Un animale colto” commenta lei, prima di risalire sull’auto con il giornale tra le mani. Non essendoci nessuno nei dintorni, la limousine riparte.

Al cimitero, il reverendo Ruthledge lascia la parola ai familiari di Alexandra. Nick parla del suo rapporto con la madre. Ogni tanto il suo sguardo incrocia quello di Mindy Lewis. Phillip vorrebbe parlare ma è molto commosso. Tuttavia, trova la forza di leggere una poesia che ha ricevuto via mail, da parte di un certo Elliot, e che ritiene adatta:

“Come vi è la nascita, così vi è la morte.
Come la gioia, così il dolore,
il momento mai atteso di una perdita.
È come lo schianto di un aliante
nelle viscere della giungla.
È un carillon che spezza la sua melodia,
sono i tasti bianchi e neri
che un pianista spiantato
non suona più.
Ma il silenzio assoluto non esiste,
anche se il miserabile pianista,
martellando il nulla,
ha venduto la sua anima.
C’è comunque un suono,
il crepitio di un fuoco,
la fiamma del ricordo che non si spegne mai.
C’è un risuonare di voci,
memorie preziose nelle sale del cuore:
frasi di incoraggiamento che abbiamo pronunciato,
parole di gratitudine che abbiamo ricevuto.
I ricordi sono tesori inestimabili,
come figli ritrovati.
Nessun ricordo può essere perduto.
Il dolore non può cancellarli,
perché la gioia gli corre fianco a fianco.
Insieme intrecciano un disegno
che infine disvela,
con le sue luci e ombre,
il colorato arazzo della vita”.

A funerale concluso, Mindy e Nick si scambiano un abbraccio affettuoso e si aggiornano sulle rispettive novità. Nick ha divorziato da Susan, al momento frequenta un’altra donna ma non la vede da un po’ per via del suo lavoro come giornalista di guerra in Ucraina. Confida a Mindy l’orrore per le violenze cui ha assistito, facendo riferimento a molti bambini rimasti orfani. Mindy gli racconta che cinque anni fa lei e Rick hanno preso in affidamento Thomas, un ragazzino di origini italiane. L’affido poi si è trasformato in adozione. Nick è molto felice per “Melinda”, e spera di conoscere il giovane Thomas.

Ed dice ad Alan-Michael che non vuole più vederlo solo ai funerali dei loro cari (apprendiamo che anche Mike Bauer, fratello di Ed e nonno di Alan-Michael, è morto un paio di anni fa), e che casa Bauer sarà sempre aperta per lui, che è parte della famiglia. Alan-Michael saluta anche Michelle, e nota quanto sia cresciuta la giovane Hope dall’ultima volta che si sono visti. Informa i Bauer che anche sua madre Hope sta bene e dirige sempre il centro di Alcolisti Anonimi a Nottingham, in Inghilterra.

Meg abbraccia sua madre Holly, che non vede da un po’, e le chiede se le piacciono le filastrocche. Inizialmente Holly rimane basita (perché la parola “filastrocche” le ricorda un brutto periodo della sua vita), ma Meg le spiega di essere la co-fondatrice di una start-up che si occupa di giochi e libri di filastrocche per bambini affetti da sindrome di Down. Holly è positivamente colpita, sa che sua figlia è una ragazza determinata, ma non era stata informata di quest’attività. Meg le chiede di passare più tempo insieme per conoscersi meglio. Fletcher si avvicina alle due donne e consiglia a Holly di accettare, garantendole che rimarrà stupita da Meg.

A poco a poco, tutti lasciano il cimitero. Phillip rimane ancora un po’ a osservare la lapide su cui sta scritto “Alexandra Spaulding, madre e zia adorata, 25 gennaio 1937 – 30 giugno 2022”. Phillip dà un ultimo struggente saluto e dice che è finita un’era. India, alle sue spalle, si augura che ne cominci una nuova. Si scusa con lui per essere arrivata in ritardo, non è riuscita ad ascoltare la sua poesia. Phillip precisa che non l’ha scritta lui. Le chiede come mai è arrivata in ritardo. India dice che c’è stato un contrattempo, e guarda lo Springfield Journal conservato nella sua borsetta tempestata di diamanti.

Nella piccola e ben arredata libreria Coriander & Sons, il libraio ADRIAN CORIANDER riceve una telefonata da una persona che lui evidentemente conosce, e che di mattina ha comprato lo Springfield Journal. Adrian è scosso nell’apprendere che una limousine abbia quasi investito la persona con cui sta parlando, ma la rassicura: ha altre copie del Journal e gliene lascerà una nella cassetta della posta.

Il signor Coriander arriva a tarda sera davanti al cancello di Wingrave Manor, una grande casa in stile vittoriano gotico. L’uomo guarda in alto, verso una delle finestre della torretta laterale. La luce di quella stanza è ancora accesa. Adrian rivolge un saluto da lontano, e una mano femminile con le unghie smaltate di rosa pallido, da dietro il vetro di quella finestra, ricambia il saluto, alzando la mano. Adrian lascia il giornale nella cassetta della posta come concordato. All’interno, l’orologio a pendolo suona: sono le 22:30. Mani femminili diverse da quelle della donna nella torretta – queste hanno le unghie tinte di bianco e nero – sciolgono qualcosa in una tisana. La donna dalle unghie bianche e nere poggia la tazza su un portavivande, sale al piano di sopra, e lascia il vassoio per terra, davanti la porta di una camera.

Una persona che indossa dei guanti eleganti bianchi recupera il giornale lasciato da Adrian, rientra in casa, cerchia di rosso il volto di Alexandra Spaulding, poi ritaglia l’articolo riponendolo dentro una cartellina che si premura di nascondere all’interno dell’immensa biblioteca. Il penultimo articolo ritagliato riguarda la famiglia Bauer che vuole riaccendere il faro, ma la cartellina contiene molti altri articoli sulla città di Springfield e sui suoi abitanti…

FINE DEL PRIMO EPISODIO

In ricordo di Marj Dusay “Alexandra Spaulding” (1936-2020)

Creato da
MARCELLO MARINO
SALVO VASSALLO

Scritto da
SALVO VASSALLO
MARCELLO MARINO

Cast
HollyEdRickMichelleBill
MindyThomasLeahBethPhillip
JamesMaureenVanessaBillyLillian
SophiaFionaBuzzClarissaPeyton
JackBlakeKevinJasonFrank
Alan MichaelNickFletcherMegReverendo
IndiaAdrian

We do not own Guiding Light or any of the related characters. The Guiding Light soap opera is created by Irna Phillips and owned by Procter & Gamble. All rights of Guiding LIght belong to Procter & Gamble. This story is a work of fanfiction and is meant for entertainment only. We are not making profit from this story.

Pubblicità

6 pensieri riguardo “Guiding Light The Series – S01E01 – Morte in Famiglia – Death in the Family”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...